Scout zona Picena e il ponte tra cielo e terra

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

Clan Antares, – Gruppo Monteprandone 1

MONTEPRANDONE – “… Coraggio. La tua Croce, anche se durasse tutta la vita, è sempre “collocazione provvisoria”. Il calvario, dove essa è piantata, non è zona residenziale. E il terreno di questa collina, dove si consuma la tua sofferenza, non si venderà mai come suolo edificatorio…”
Questa frase,  tratta da “Il parcheggio del calvario” di Don Tonino Bello, è stata letta dall’assistente ecclesiastico di zona don Nazareno Rapetta dopo l’omelia pronunciata da Don Pierluigi Bartolomei per la commemorazione dei defunti Scout presso la parrocchia Regina Pacis di Monteprandone.

A questa celebrazione hanno partecipato i diversi gruppi scout della zona Picena, mossi da uno spirito di solidarietà e dalla forza motrice degli uomini, la fede.

Il “Ponte di Leonardo” costruito al di sopra dell’altare dal gruppo scout Monteprandone 1, è stato il simbolo del legame che ci unisce ai nostri amici scomparsi, in quanto essi contribuiscono alla creazione di una scala che collega cielo e terra.  Il loro ricordo, è stato accompagnato da un gesto simbolico, ovvero quello di appendere lampade sul ponte stesso per ricordare che le persone a cui abbiamo voluto bene, in qualche modo,  restano nelle nostre vite e sta a noi percepire la loro “luce” nel nostro cammino, per ricordarci che siamo solo di “passaggio” in questo mondo terreno; una collocazione “provvisoria” appunto.

Ricollegandoci alla citazione di Don Tonino, possiamo dire che il “ponte di Leonardo”,  pur essendo  una costruzione materiale che tende a svanire, rappresenti  il pilastro su cui costruire quei ponti di cui parlava papa Francesco qualche tempo fa, in modo da vivere pienamente la comunione con Cristo.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>