Il ricordo di Giorgio La Pira: uomo di Pace

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

“Non si dica quella solita frase poco seria: la politica è una cosa “brutta”! No: l’impegno politico – cioè l’impegno diretto alla costruzione cristianamente ispirata della società in tutti i suoi ordinamenti a cominciare dall’economico – è un impegno di umanità e di santità: è un impegno che deve potere convogliare verso di sé gli sforzi di una vita tutta tessuta di preghiera, di meditazione, di prudenza, di fortezza, di giustizia e di carità.”

Il 5 novembre del 1977 moriva Giorgio La Pira, uomo di pace che seppe dialogare con i potenti della Terra, nel suo impegno di amministratore si spese in ogni modo per i poveri, i senzatetto, i disoccupati. Il suo stile di vita sobrio, quasi ascetico, unito a una carica dirompente di simpatia, ne fecero una figura di grande attualità.

In questo momento di smarrimento e incertezza nel quale viviamo, la figura di Giorgio La Pira, dopo quasi 40 anni dalla morte, costituisce ancora un punto di riferimento, in particolare per coloro che guardano con crescente preoccupazione al mondo politico nazionale e internazionale. In lui è racchiuso l’intero pensiero sociale della Chiesa, il politico semplicemente come dovrebbe essere, ovvero, un uomo capace di creare un equilibrio tra contemplazione e azione, facendo emergere la statura di quel laico cristiano tutto d’un pezzo che fu La Pira.

La persona sempre come fine e mai come mezzo. Un pensiero che mostrava tutta la sua forza dirompente specialmente nel tempo delle ideologie totalitarie, ma che mantiene ancora intatta la sua validità nel presente. La Pira svolge il servizio di amministratore anteponendo sempre i problemi della gente, perché i veri bilanci erano quelli fatti sulle relazioni con le persone. Dalla persona umana partono le fondamenta lungo le quali è possibile ricostruire il tessuto sociale secondo le indicazioni di solidarietà e prossimità.

Cari giovani, dobbiamo avere il coraggio di guardare verso quell’oltre, dobbiamo sognare il nostro avvenire e cercare con tenacia e determinazione di concretizzarlo. La figura di Giorgio La Pira è un esempio mirabile di vita di preghiera, amore per la Chiesa, militanza associativa, politica e dedizione per gli altri. Impariamo ad essere nella realtà in modo più profondo e incisivo.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>