Carlo Gentili scopre il mistero dell’anello della Dea Cupra?

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+

Carlo AnelloGROTTAMMARE – “Alle sacerdotesse della Dea Cupra, in fase di sepoltura  veniva appoggiato sul ventre  l’“Anello della Dea” ovvero un “cembalo” stilizzato in bronzo, simbolo identificativo della Grande Madre, come evidenziato in tutte le statue a lei dedicate. Credo di aver scoperto  il mistero che da 2.500 anni arrovella esperti e studiosi”.

Questa la conclusione a cui è giunto Carlo Gentili in merito al mistero dell’anellone dei Piceni, il cui significato sfugge ancora oggi a  studiosi ed esperti ad oltre 2.500 anni dalla presenza dei Piceni nelle Marche

“L’anello di Cupra” o anellone piceno è un anello a 6 nodi trovato nelle tombe femminili del Piceno V sec. a.C.  : sembra che nessuno  ancora oggi ne conosca il significato. Molte le ipotesi, ma nessuna certezza.   Alcuni studiosi hanno visto in questi reperti un simbolo di fertilità,  altri un simbolo apotropaico per allontanare influssi magici maligni,  altri ancora pensano ad una sorta di trofeo o simbolo che contraddistingueva le sacerdotesse, altri  ricercatori individuano in quel “cerchio magico” fasi lunari e mondi  spaziali.

Ora, si affaccia l’ipotesi del pittore Carlo Gentili da sempre affascinato dal culto della dea Cupra e dal suo “anellone piceno”

In pratica, un pittore “sconfina” (a gamba tesa) nel settore archeologico e scopre l’arcano, in barba a tanti studiosi e professori.

Infatti, Gentili ipotizza che il famoso “anello di Cupra” altro non sia che il cembalo, simbolo sacro alla Dea Madre-Cibele (con il culto simile ed intercambiabile con la dea Cupra): il cembalo, strumento musicale simbolo della Dea Cibele o Grande Madre,  a cui nessun studioso abbia mai pensato come identificabile con l’anellone piceno; infatti, comparando il cembalo e anellone piceno sono visivamente ineccepibili le  loro similitudini, anche se i piccoli tipani nei cembali del tempo erano posti uno sull’altro, a mo’ di piatti e non frontalmente

Inoltre, c’è una  prova schiacciante relativa al  Culto di Cibele, la Grande madre di uomini e dei, la mai nata, l’eterna. Come tutte le dee mediterranee era vergine:  in un prezioso documento troviamo in merito all’iniziazione delle sacerdotesse: “L’iniziazione al culto della dea consisteva innanzitutto in un pasto consumato negli strumenti musicali: il timpano e il cembalo”: le sacerdotesse recitavano:  “ho mangiato dal timpano, ho bevuto dal cembalo e ho conosciuto i segreti della religione”

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>