Papa Francesco: a S. Marta, il pastore non è mai “amareggiato”, non è “attaccato al potere, ai soldi o alle cordate”

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+

Santa MartaIl pastore può essere “solo, mendicante, vittima di accanimento, abbandonato”, ma mai “amareggiato”. Lo ha detto il Papa, nell’omelia della Messa celebrata ieri a Santa Marta, ricordando la vita del “grande Paolo” – “quello che ha sentito la voce del Signore, quello che è andato da una parte all’altra, che ha sofferto tante cose e tante prove per la predicazione del Vangelo, che ha fatto capire agli Apostoli che il Signore voleva che anche i Gentili entrassero nella Chiesa” – è finita “in quella stanzetta di una casa, qui a Roma, nella desolazione: non nel risentimento e nell’amarezza, ma con la desolazione interiore”.
Così è accaduto a Pietro e a Giovanni Battista – ha proseguito il Papa  – che “in cella, solo, angosciato”, manda i suoi discepoli a chiedere a Gesù se sia lui il Messia e finisce con la testa tagliata per “il capriccio di una ballerina e la vendetta di una adultera”. Così è accaduto a Massimiliano Kolbe, “che aveva fatto un movimento apostolico in tutto il mondo e tante cose grandi” ed è morto nella cella di un lager. “L’apostolo quando è fedele – ha spiegato Francesco – non si aspetta un’altra fine di quella di Gesù”. Ma il Signore resta vicino, “non lo lascia e lì trova la sua forza”. E “questa è la Legge del Vangelo: se il seme del grano non muore, non dà frutto”.

“Quando il pastore vive così non è amareggiato”, ha spiegato Francesco: “Forse ha desolazione, ma ha quella certezza che il Signore è accanto a lui. Ma quando il pastore, nella sua vita, si occupa di altre cose che non siano i fedeli – è per esempio attaccato al potere, è attaccato ai soldi, è attaccato alle cordate, è attaccato a tante cose – alla fine non sarà solo, forse ci saranno i nipoti, che aspetteranno che muoia per vedere cosa possono portare con loro”. Infine, la preghiera “per  pastori che sono alla fine della loro vita e che stanno aspettando che il Signore li porti con Lui. E preghiamo perché il Signore dia loro la forza, la consolazione e la sicurezza che, benché si sentano malati e anche soli, il Signore è con loro, vicino a loro”.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>