Scout Grottammare 3: Un week end da detective per il clan Vega

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

ScoutCOSSIGNANO – È stato un fine settimana all’insegna della scoperta, dell’essenzialità, della riflessione e del gioco. A noi ragazzi del Clan Vega è stata proposta un’attività investigativa, siamo diventati detective e lungo la strada da Santa Maria Goretti al Trivio abbiamo dovuto interpretare degli indizi e cercare di capire di quale personaggio si stava parlando. Per fare ciò potevamo usare un aiutino che si è rivelato non solo molto utile, ma anche un importante momento di condivisione dell’uscita con i ragazzi del Clan che non sono potuti venire. Infatti l’aiuto consisteva nel poterli chiamare al telefono e chiedere loro una mano per comprendere gli indizi.

Scoperti i personaggi, la sera al fuoco abbiamo dovuto rappresentarli con delle scenette cercando di far indovinare agli altri di chi si trattava. Questi tre personaggi avevano in comune una forte fede in dio e in particolare lo vedevano come punto di partenza per ogni loro azione quotidiana.

Il primo personaggio era Pier Giorgio Frassati: un ragazzo attivo, amante della montagna e della compagnia, amava giocare, guardare sempre verso l’alto e donare tutto se stesso, tutto il suo tempo ai bisognosi. La forza per fare ciò, però, diceva lui stesso, gli veniva donata ogni giorno dall’eucarestia, il suo incontro personale con il signore.

L’altro personaggio era Vittorio Massetti, amico di Pier Giorgio Frassati e nostro compaesano. Di lui ci hanno colpito le sue idee rivoluzionarie e quel modo di lottare contro corrente con coraggio e con fede che gli hanno permesso di creare una bellissima realtà, purtroppo adesso non più attiva: casa Santa Gemma.

Il terzo e ultimo personaggio era il nostro parroco Don Dino; le sue parole ci hanno aiutato a riflettere sul significato della preghiera, su cosa vuol dire pregare e come è giusto farlo. Di tutto quello che del Don abbiamo letto ci è rimasta in mente una frase particolare: “I deboli non sono coloro che affondano, ma coloro che non vogliono farsi tirare su”.

Tutto ciò lo abbiamo vissuto in un’atmosfera di comunità, di ascolto reciproco e di attenzione all’altro; non sono mancati però momenti di gioco che ci hanno fatto tornare bambini e che ci sono piaciuti tanto e momenti di cammino che ci hanno portato a raggiungere il resto del gruppo a Cossignano per vivere l’eucarestia e fare il voga finale.

Il Clan Vega: Annalisa ciaralli Micaela Perozzi Andrea Perozzi Sara ragni Sara Perozzi Cristian ascani Elena pasquali, Silvia Locatelli, Gioele di summa, Francesca straccia, Flavia zampieri

 

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>