Il programma di mandato va in Consiglio comunale a San Benedetto

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

Consiglio comunaleSAN BENEDETTO DEL TRONTO – Il presidente Bruno Gabrielli ha convocato il Consiglio comunale per sabato 22 ottobre alle ore 9. Tredici i punti all’ordine del giorno tra cui si segnalano:

– tre interrogazioni sulla vendita dell’ex scuola di via Petrarca (Antonio Capriotti), sull’urgenza di nominare il presidente della Riserva Sentina (Maria Rita Morganti), sulla  sospensione del servizio delle ludoteche comunali  (firmata da Mandrelli, Di Francesco, Pellei, Curzi);

– tre ratifiche di delibere della Giunta che ha disposto variazioni urgenti di bilancio per acquisire il contributo della regione Lazio per far fronte all’accoglienza dei terremotati, per prorogare il comando di una agente di Polizia Municipale dipendente Asur e per lo stanziamento dei fondi per le spese di preparazione del referendum del 4 dicembre;

– una variazione al bilancio per tener conto della riorganizzazione parziale del parco veicolare (si dismettono cinque auto per acquistare un’utilitaria) e di alcune nuove entrate ed uscite di piccola entità;

– l’approvazione delle linee programmatiche di mandato e il documento unico di programmazione per il triennio 2017-2019. Il documento programmatico indica alcuni punti, o meglio sfide, su cui l’Amministrazione Piunti intende cimentarsi: queste sfide prendono il nome di “pianificazione partecipata”, ”azione amministrativa basata su trasparenza e comunicazione”, “corretto utilizzo delle risorse e presidio degli strumenti della programmazione economico-finanziaria e del controllo”, “Qualità sociale –  Welfare di comunità”, “Decoro urbano”;

– la nomina di due rappresentanti del Consiglio comunale nella commissione del mercato ittico all’ingrosso;

- la modifica del regolamento che disciplina il commercio su aree pubbliche. La modifica si rende necessaria per prendere atto della necessità di assegnare i posteggi dcei mercati attraverso un bando pubblico per una durata compresa tra 9 e 12 anni, come imposto dalla direttiva comunitaria Bolkestein (le attuali concessioni scadranno nel maggio del prossimo anno), sia per ridurre i posti delle tre fiere cittadine (1° maggio, S. Lucia e Madonna della Marina) sulla base delle richieste pervenute negli ultimi anni, per individuare spazi da destinare durante i mercati infrasettimanali alle associazioni senza scopo di lucro e alle cooperative sociali;

– la conferma della contrarietà al progetto di realizzazione di un impianto di stoccaggio del gas naturale nel territorio comunale.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>