Parrocchia Sacro Cuore di Martinsicuro: la gioia dello stare insieme

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

Sacro Cuore Sacro Cuore2Di Silvio Giampieri

Silvio Giampieri

MARTINSICURO – Una giornata bellissima quella di Domenica 2 Ottobre, per la parrocchia Sacro Cuore di Gesù di Martinsicuro, essendo stata caratterizzata dalla gradita di vista di alcuni amici.
Si tratta degli ospiti dell’Istituto di riabilitazione Santo Stefano di Porto Potenza Picena che ogni anno trascorrono una giornata di svago presso la cittadina abruzzese.

L’iniziativa da anni è promossa dall’UNITALSI parrocchiale in collaborazione con il gruppo Caritas e l’aiuto di altri parrocchiani che generosamente mettono a disposizione il proprio tempo e le proprie energie.
La giornata si è aperta con la partecipazione alla celebrazione eucaristica delle ore 11,30 a chiusura della quale Giorgio, uno degli ospiti, ha recitato una preghiera da lui personalmente composta circa la condizione di disabilità e la partecipazione al corpo di Cristo che è la Chiesa.

Al termine tutti si sono ritrovati nel salone parrocchiale dove è stato condiviso il pranzo ed i ragazzi hanno contribuito ad aiutare gli amici non autosufficienti nell’assumere il pasto.

Il pomeriggio è stato poi allietato dalla musica dell’organetto del giovane Davide Spinosi della vicina parrocchia di Villa Rosa, che ha saputo rallegrare i presenti con le melodie della tradizione popolare, a tutti molto care.

Per chiudere la bella giornata assieme, anche un gradito momento all’aria aperta con una passeggiata sul lungo mare di Martinsicuro cosa che pure ha riempito di gioia gli occhi di tutti gli ospiti.

L’arrivederci è all’anno prossimo, avendo creato questa consuetudine una vera e propria amicizia con i degenti del Santo Stefano.

Oltre a constatare la felicità con gli ospiti, la soddisfazione dei volontari è stata anche quella di vedere i propri giovani coinvolti attivamente in questa esperienza che crea legami di affetto ed amicizia con persone più deboli.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *