Entro gennaio la proposta di “riordino” delle diocesi

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

“Entro gennaio, cioè entro il prossimo Consiglio permanente, saremo in rado di avere un quadro completo delle proposte, delle riflessioni, del discernimento e le presenteremo alla Congregazione dei Vescovi”. Con queste parole, durante la conferenza stampa di ieri, il cardinale Angelo Bagnasco, arcivescovo di Genova e presidente della Cei, ha riferito ai giornalisti del processo di riordino delle 225 diocesi italiane, chiesto dal Papa incontrando i vescovi già all’indomani della sua elezione. “Da subito il Papa ha chiesto il riordino, cioè la diminuzione del numero delle diocesi”, ha ricordato Bagnasco: “Poi strada facendo, anche parlando con noi, si è reso conto che la questione non può essere un automatismo e merita particolare attenzione”, vista “la vicinanza capillare tipica della storia della Chiesa in Italia, dei vescovi e dei sacerdoti alla gente”. Così, il “mandato” di Francesco è stato di “ragionare a livello di Conferenze regionali”. “Ora – ha reso noto il cardinale – la riflessione è quasi conclusa, stanno arrivando dei risultati che invieremo in modo documentato alla Congregazione competente, che è quella dei vescovi. Sarà la Congregazione e il Santo Padre a decidere”.

I vostri commenti all'articolo (1)

  1. Attenzione alle scelte dall’alto, perché sarebbero un danno enorme per la religiosità popolare e di conseguenza per la fede. Attenzione anche a pensare che il “grande” è bello. Forse, come l’economia italiana si è salvata con le piccole aziende, così anche le piccole diocesi…

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>