Cei: stanziati 13,5 milioni di euro per 132 progetti nel Terzo mondo

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

VescoviOltre 13,5 milioni di euro (13.537.327 per la precisione), ricavati dall’8 per mille alla Chiesa cattolica, a sostegno di 132 progetti. È la cifra stanziata dal Comitato per gli interventi caritativi a favore del Terzo mondo, che si è riunito nei giorni scorsi a Roma. In Africa sono stati approvati 75 progetti per complessivi 9.233.045 euro; 1.768.086 euro vanno in America Latina per 37 progetti; 2.223.784 euro finanzieranno 18 progetti in Asia; 312.412 euro 2 progetti in Medio Oriente. Tra i progetti più interessanti, il Comitato ricorda quello finanziato in Angola per la costruzione di una falegnameria, con fornitura di macchinari e con la formazione del personale per un gruppo di lavoratori locali nella diocesi di Mbanza Congo. Vi è poi un progetto finanziato in Burkina Faso, per migliorare le condizioni di vita della popolazione rurale nel distretto di Garango attraverso un corso di formazione rivolto ad operatori sanitari, educatori, insegnanti e famiglie (alle quali sono destinati stufe e servizi igienici). Il progetto prevede inoltre l’equipaggiamento di alcuni Centri di salute, la realizzazione di due nuovi pozzi ed il ripristino di altri due attualmente non funzionanti. In Camerun viene segnalato un progetto di imprenditorialità agro-pastorale e artigianale per favorire l’inserimento nel mondo del lavoro di 400 giovani disoccupati (sotto-qualificati, ragazze madri, scavatori di sabbia e conducenti di moto taxi): si prevede la creazione di cooperative e l’acquisto di equipaggiamenti per la produzione e di veicoli per il trasporto e la commercializzazione dei prodotti. Sempre in Africa, è stato finanziato un progetto sanitario per l’ospedale a Digsa in Eritrea, che prevede la trasformazione di alcuni locali già esistenti in un reparto di radiologia, con le apparecchiature necessarie e l’acquisto e l’invio di medicinali dall’Italia per un periodo di cinque anni. In Ecuador, invece, dove il fenomeno della dipendenza da alcool è molto diffuso, saranno finanziate la costruzione di un centro terapeutico di riabilitazione per alcoolisti e di una casa di accoglienza per ragazze madri: questo centro, oltre alle cure mediche, offrirà percorsi di sostegno umano e psicologico per una piena riabilitazione. Infine, in Cambogia viene sostenuto un programma di assistenza sanitaria e formazione umana rivolto in particolare ai malati nella zona di Phnom Penh. Il progetto mira a dare assistenza sanitaria a tutti, ma soprattutto ai poveri e alle loro famiglie; cooperare con i dipartimenti provinciali di salute e con le relative strutture sanitarie per i residenti; sostenere e rafforzare le capacità di progettazione, la gestione e l’amministrazione.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>