Terra Santa: Pizzaballa (Patriarcato latino), ingresso a Gerusalemme “accogliere, ascoltare e discernere”

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

mons.pizzaballa

GERUSALEMME – “Accogliere, ascoltare, discernere e, insieme, orientare il cammino della Chiesa per i prossimi anni”. Ha ribadito tutta la sua volontà di “costruire strade e ponti e non muri”, monsignor Pierbattista Pizzaballa, nuovo amministratore apostolico del Patriarcato latino di Gerusalemme, che nel pomeriggio di ieri ha ufficialmente fatto il suo ingresso a Gerusalemme. Un discorso dal sapore programmatico nel quale non ha nascosto la difficoltà del compito che l’attende, “non sono ingenuo” ha detto, sapendo bene che “dopo la gioia della trasfigurazione, c’è la discesa dal Monte, nella vita ordinaria e quotidiana, con il suo carico di gioie certamente, ma anche di problemi, sofferenze e divisioni. E a Gerusalemme, e più in generale in Terra Santa, le divisioni non mancano”. “E sono dure, feriscono nella nostra vita quotidiana” ha rimarcato mons. Pizzaballa, sciorinando una lista di criticità che ben conosce, dopo 12 anni (2004-2016) trascorsi come custode di Terra Santa. “Lo costatiamo continuamente: nella vita politica e sociale, con un conflitto politico che sta logorando la vita di tutti, nella dignità offesa, nella mancanza di rispetto dei diritti basilari delle persone; le vediamo anche nelle relazioni intra-religiose, tra le nostre chiese e non di rado anche all’interno delle nostre rispettive Chiese. Il diavolo, che è all’origine delle divisioni, sembra avere preso casa a Gerusalemme”. La risposta alle divisioni, per mons. Pizzaballa, è una soltanto: “Essere Chiesa, cioè dare la nostra testimonianza di unità. Qui, in questo contesto lacerato e diviso, insomma il primo annuncio da dare è l’unità, che comincia da noi, all’interno della nostra casa”. Per coinvolgere anche gli ortodossi, ribadendo al Patriarca greco ortodosso della Città santa “la volontà di operare per la comunione e l’armonia vicendevole”. Perché, ha concluso l’amministratore apostolico, “non possiamo permetterci di dare lezioni di dialogo al mondo, se tra noi regnano le divisioni e la sfiducia! Dobbiamo, vogliamo allora diventare esperti di una vita che viene dalla croce, che non si rassegna alla morte, ma la vince con l’amore”.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>