Emigrazione: il documentario sugli italiani sfruttati nelle fattorie australiane

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

Australia giovaniSarà proiettato a Favara (Agrigento) il 2 settembre nell’ambito del “Farm Film Festival 2016, rassegna internazionale di cortometraggi” il documentario “88 giorni nelle farm australiane” (www.88days.com) promosso da Fondazione Migrantes, tra i 5 cortometraggi in concorso. Il festival si apre domani  e dura fino al 4 settembre. La manifestazione intende coinvolgere, attraverso esibizioni, talk, laboratori e workshop, le persone e i luoghi che stanno cambiando il mondo. “Move! Do something: People and Places that are changing the world” è infatti lo slogan del Farm Film Festival, la cui traduzione letterale è “Datti una mossa”. Il Farm Cultural Park di Favara è un centro culturale indipendente in una realtà difficile, che dalla sua nascita sta promuovendo iniziative artistiche  culturali di grande rilievo. In questo contesto si inserisce la proiezione del documentario “88 giorni nelle farm australiane” opera dei ricercatori Michele Grigoletti e Silvia Pianelli, con la regia di Matteo Maffesanti – dell’equipe di “Australia Solo Andata” – che racconta il viaggio tra sogni, speranze e pensieri di migliaia di giovani italiani che ogni anno lavorano la terra australiana. I giovani italiani che hanno fatto un’esperienza nelle farm australiane possono ancora inviare la loro testimonianza attraverso il sito: www.88days.com. Il titolo è ispirato al numero di giorni necessari per l’ottenimento del secondo visto vacanza-lavoro. Il documentario vuole dare voce alle migliaia di giovani italiani che ogni anno vanno in Australia a raccogliere verdure e ortaggi, raccontandone le storie e svelandone la verità, spesso di sfruttamento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *