Don Ulderico Ceroni: “La liturgia è il luogo della misericordia di Dio”

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

Di Don Ulderico Ceroni, Direttore dell’Ufficio Liturgico Diocesano, foto Emanuele Imbrescia

DIOCESI – “La liturgia luogo della misericordia – Riconciliati per riconciliare”. È stato il tema della 67a Settimana liturgica nazionale che si è tenuta a Gubbio, in Umbria, dal 22 al 25 agosto 2016.
Il titolo dell’evento organizzato dal Centro di azione liturgica (CAL) e ospitato quest’anno dalla diocesi eugubina, non poteva che essere legato all’Anno Santo straordinario della misericordia, donatoci da Papa Francesco.
Il clima respirato, le relazioni ascoltate e le celebrazioni vissute, ci hanno aiutato a rimettere al centro della nostra vita ecclesiale la “Liturgia” come culla germinativa di una pastorale ancorata all’altare, luogo simbolico dove la Comunità cristiana fa esperienza di Misericordia e riceve la “missio” di penetrare, come sale e luce, la città degli uomini. È nella “Liturgia” e in particolare nella “Celebrazione eucaristica” che in modo eminente il Signore risorto compie la sua opera di riconciliazione, per “misericordiare” l’umanità intera, oggetto della “bella notizia” e dell’amore misericordioso del Padre.
“Con le nostre forze non ce la facciamo a riconciliarci con Dio. Il peccato è davvero un’espressione di rifiuto del suo amore con la conseguenza di rinchiuderci in noi stessi, illudendoci di trovare maggiore libertà e autonomia. Ma lontano da Dio non abbiamo più una meta e da pellegrini in questo mondo diventiamo erranti”. (Papa Francesco, catechesi 20.04.16)
La “Celebrazione liturgica” è il luogo dove è possibile fare esperienza della misericordia di Dio che si dona e si rivela come vicinanza, perdono, riconciliazione, trasfigurazione della vita. Per questo la Chiesa in ogni assemblea liturgica è chiamata ad essere manifestazione visibile di un’umanità riconciliata.
E se lì ci lasciamo riconciliare diventiamo noi stessi più capaci di misericordia e operatori di riconciliazione. La vita rigenerata dalla misericordia di Dio nell’azione liturgica, si realizza poi come riconciliazione in forme d’interazione sociale, di perdono, di solidarietà, d’impegno per la pace e la custodia del creato.
Riconciliati per riconciliare: partecipare consapevolmente e attivamente alla liturgia significa pertanto sentirsi chiamati a un responsabile atteggiamento di collaborazione al progetto salvifico e misericordioso di Dio che si dispiega nella storia dell’umanità. È una vocazione che riguarda tutti noi cristiani che nella liturgia facciamo viva esperienza della sua misericordia, anche se purtroppo persistono le divisioni e le lacerazioni. In particolare è in seno alla Chiesa locale (Diocesi) che va esercitato questo impegno di riconciliazione. L’unità che dovrebbe caratterizzare ogni Parrocchia non è il risultato degli sforzi più o meno riusciti dei suoi membri, neppure è data dai canoni imposti o dalla disciplina ecclesiastica. L’unità è un dato originario: nel battesimo ogni cristiano è inserito in Cristo come membro del suo corpo, umanità nuova ricreata dallo Spirito e che vive di Cristo in comunione con tutti i fratelli. È da tale originaria unità, riconosciuta come dono ricevuto non in modo astratto, ma nella “celebrazione liturgica”, che ogni cristiano impara a cercare, a vivere la comunione e la riconciliazione con i fratelli e nella fede fonda la consapevolezza di sentirsi “corpo di Cristo”, Chiesa.
La liturgia è il luogo della misericordia di Dio che scaturisce dalla Croce, è il luogo dove la Pasqua di Cristo rigenera la vita del cristiano e la rende testimonianza del Vangelo di salvezza per la riconciliazione e la pacificazione fra gli uomini.
Davvero nella preghiera e nelle riflessioni donateci in questo Convegno ecclesiale siamo stati aiutati a renderci più consapevoli di queste meraviglie e quindi a essere cristiani più attenti nel curare e godere dell’esperienza liturgica, appassionati operatori di riconciliazione e di pace. Consapevoli del grande dono di Dio, spalanchiamo il nostro cuore alla gioia del perdono per fare della nostra esistenza quotidiana un umile strumento dell’amore misericordioso di Dio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *