Muore mons. Mansueto Bianchi, il grande uomo di Dio e dell’AC

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

ROMA – Oggi alle 15, dopo lunga malattia, è venuto a mancare mons. Mansueto Bianchi, assistente generale dell’Azione Cattolica.Tutta l’AC esprime la propria riconoscenza e la propria gratitudine ad una grande uomo che ha saputo “combattere la buona battaglia” mantenendo la fede, fino alla fine…grazie Eccellenza!

Non sono tardate le prime reazioni dell’associazione rivierasca, cominciando dai membri del Consiglio Diocesano e da tutti gli associati. Il dispiacere e l’incredulità hanno avvolto gli animi di questa calda giornata di agosto, anche gli assistenti dei vari settori commossi hanno ricordato la statura di questo grande uomo di Dio. “Due corsi di esercizi spirituali con lui e la certezza di poter dire di avere incontrato un uomo di Dio. Nella certezza della Resurrezione, veglierà su ciascuno di noi…” ha affermato l’assistente del settore Giovani di AC, don Roberto Antonio Melone.

Ordinato sacerdote il 29 giugno 1974, monsignor Mansueto Bianchi è nato a Santa Maria del Colle (Lucca) il 4 novembre 1949. È stato eletto vescovo di Pistoia all’età di 57 anni, il 4 novembre 2006, mentre dal 18 marzo 2000 era vescovo a Volterra. È stato, tra l’altro, presidente della Commissione Episcopale per l’ecumenismo e il dialogo della Conferenza episcopale italiana. Aveva lasciato la Diocesi di Pistoia il 5 aprile 2014, quando era stato nominato dal Papa Assistente generale dell’Azione cattolica italiana

Pubblichiamo il Comunicato Stampa ufficiale dell’Azione Cattolica Nazionale:

Oggi 3 agosto 2016, mons. Mansueto Bianchi, Assistente Generale dell’Azione Cattolica Italiana dal 5 aprile 2014, è tornato alla Casa del Padre.
A mons. Bianchi era stata diagnosticata, all’inizio del mese di marzo, una forma tumorale che ha rivelato, nonostante un importante intervento chirurgico, tutta la sua aggressività.
In questo tempo di malattia, il vescovo non ha mai perso lucidità e più volte ha affermato di voler offrire la sua sofferenza per il bene dell’Azione Cattolica Italiana che ha considerato un dono per il suo ministero episcopale.
In questi anni la Presidenza Nazionale, il Consiglio Nazionale e gli aderenti che in varie e numerose circostanze hanno avuto la possibilità di incontrarlo, hanno trovato in mons. Bianchi un punto di riferimento discreto e rispettoso ma capace di offrire un contributo di grande significatività: per l’amore e il riferimento costante alla Parola di Dio; per la passione e la conoscenza della vita della realtà ecclesiale; per il desiderio di servire con coraggio la persona del Papa e il sogno di Chiesa che Egli ha delineato nella “Evangelii Gaudium”.
Questo servizio mons. Bianchi ha continuato a renderlo a tutte le persone che lo hanno avvicinato anche nel prolungato tempo di ricovero ospedaliero.
A tal proposito, la Presidenza Nazionale desidera esprimere una parola di grande riconoscenza anzitutto al Santo Padre, che in modo discreto e costante si è sempre informato delle condizioni di mons. Bianchi; e al Segretario di Stato S.Em. il Card. Pietro Parolin. Siamo grati al personale del Campus Biomedico di Roma, al prof. Coppola, al dott. La Vaccara e al dott. Caputo e a tutto il personale infermieristico per le amorevoli cure prestate. Grazie pure ai medici e agli operatori dell’associazione “Antea” che hanno curato l’assistenza domiciliare in questo ultimo periodo.
Un particolare cenno di gratitudine va a don Robin Weatherill per l’amicizia – di lunga data – con la quale ha accolto, sostenuto e accompagnato mons. Bianchi al Campus. E a suor Leonita e suor Daniela(della Congregazione delle Serve del Signore) che, insieme a suor Eva fin dagli anni dell’episcopato a Volterra e a Pistoia, hanno avuto nei confronti di mons. Bianchi una dedizione encomiabile.
Molte volte, nei più di quattro mesi durante i quali la malattia ha gradualmente rivelato la sua gravità, mons. Bianchi ha affermato di essersi sentito sorretto dalla preghiera di molte persone: gli aderenti e assistenti dell’associazione; i sacerdoti, religiosi e laici delle diocesi di Pistoia, Volterra e Lucca; un ampio numero di vescovi, sacerdoti e moltissimi laici con le quali mons. Bianchi ha vissuto rapporti di sincera amicizia. Lui stesso si è detto stupito e grato per la forza che da tale preghiera ha ricevuto.
Siamo certi che tale comunione non si sia interrotta con la sua morte. La sua intercessione continuerà a rendere feconda la vita dell’Azione Cattolica. È guardando a Gesù Risorto che potremo, seppure in modo diverso, continuare a camminare insieme a lui. Grazie, Eccellenza!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *