Sud Sudan: si aggrava la crisi alimentare

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

 

 

sud sudan crisi alimentare povertà

 

(ZENIT)

“Le strade sono deserte, i negozi sono stati saccheggiati e i commercianti costretti ad andar via”, racconta da Juba padre Jackson, responsabile educativo della st. Kizito, una scuola elementare che ospita più di 2mila bambini del quartiere di Munuki, uno dei più colpiti dalle violenze del 9 luglio. “L’intenzione è quella di tenere aperta la scuola, per riportare in classe tutti gli studenti, che continuano a rimanere in casa per paura. Ma per farlo abbiamo bisogno di cibo per i nostri ragazzi”.

L’approvvigionamento alimentare è una delle priorità non solo a Juba ma in tutto il Sud Sudan. A causa degli scontri dell’8 e 9 luglio, a Juba, sono state chiuse le vie di accesso ai principali mercati del Paese, mentre i commercianti hanno rapidamente finito le scorte proprio nel periodo più critico: quello che precede la semina nei campi del Sud Sudan.

Le ultime violenze hanno riacceso un conflitto che dura ormai dal dicembre 2013 e continua a ripercuotersi pesantemente sulla popolazione. Secondo l’agenzia delle Nazioni Unite Ocha, le violenze hanno provocato oltre 36mila sfollati e si stima che quasi la metà di loro non abbia un luogo in cui dormire e non possa accedere ad acqua, cibo e servizi igienici e sanitari di base. Circa 5mila sud sudanesi, gran parte donne e minori, sono scappati in Uganda e in Kenya in cerca di un rifugio sicuro

La ong italiana AVSI, presente nel Paese dal 2005 con numerosi progetti di sostegno alla popolazione, ha dovuto sospendere per motivi di sicurezza molto gravi le attività nelle sue basi di Juba e nell’Eastern Equatoria, ma è al lavoro per far fronte alla crisi alimentare e garantire la possibilità di sfamarsi a quasi 3mila bambini e studenti, tra cui i ragazzi della St. Kizito di padre Jackson.

Ho fame, mamma è il titolo della campagna lanciata da AVSI con l’obiettivo di raccogliere 30mila euro per acquistare cereali, farina, olio e acqua. L’appello è stato lanciato sui social ufficiali della ong e nel primo weekend ha già raccolto l’adesione di tanti donatori. Tutti gli aggiornamenti sulla situazione in Sud Sudan e le modalità di donazione sono consultabili sul sito ufficiale di AVSI al link seguente: https://goo.gl/TikuvT.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *