Nigeria: Msf, “500mila persone senza cibo, acqua, cure. Crisi umanitaria nello Stato di Borno”

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

nigeria aiuto crisi sanità

(Sir)

NIGERIA – Oltre 500mila persone senza cibo a sufficienza, acqua pulita, senza ripari per proteggersi, farmaci e cure sanitarie, con tassi di mortalità superiori ai livelli di emergenza: è la crisi umanitaria in corso in Nigeria, nello Stato di Borno, nei villaggi e nelle città che erano prima in mano al gruppo fondamentalista Boko Haram e oggi di nuovo controllato dall’esercito.

A raccontare il dramma di una popolazione è stato oggi a Roma il medico Jean-Hervé Bradol, storico esponente di Medici senza frontiere, appena rientrato dal paese.  “Nello Stato di Borno è in corso una vera catastrofe sanitaria, che sta colpendo almeno 500mila persone – ha detto -. Da quando l’esercito ha ripreso il controllo, abbiamo avuto per la prima volta accesso a città, villaggi e aree rurali, dove migliaia di persone vivono bloccate in campi sfollati o in enclave isolate e dipendono completamente dagli aiuti esterni per sopravvivere”.

Le persone, spiega, “non hanno cibo a sufficienza, non hanno acqua pulita, non hanno ripari adeguati per proteggersi. I livelli di malnutrizione sono altissimi e molte persone muoiono ogni giorno, con tassi di mortalità ben oltre il livello di emergenza in alcune aree. Ci sono casi di morbillo e con la stagione delle piogge la situazione sanitaria rischia di peggiorare ulteriormente. Non è semplice intervenire perché i problemi di sicurezza sono enormi”.

Msf sta rafforzando il proprio intervento, e invierà a breve anche operatori italiana. “Ma serve urgentemente una massiccia risposta da parte delle agenzie umanitarie per rispondere quanto prima ai bisogni di queste persone”, ha concluso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *