VIDEO #GMGSBT Giorno4: Senza conoscersi i giovani della diocesi si sono ritrovati fratelli dei Polacchi

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

Leggi anche
– VIDEO #GMGSBT Partito il primo gruppo di giovani da Martinsicuro, San Benedetto, Monteprandone, Grottammare verso Cracovia

– FOTO I giovani della nostra diocesi sono arrivati in Polonia

– VIDEO #GMGSBT I giovani della diocesi hanno visitato Auschwitz

– #GMGSBT VIDEO e FOTO Giorno3: nel derby Italia – Polonia… vincono tutti!

Di Silvio Giampieri

GMG – Durante la quarta giornata i giovani pellegrini della diocesi dopo aver fatto una ricca colazione nelle case delle famiglie che li ospitano, hanno avuto occasione di visitare il Santuario di Czestokowa, il principale luogo di devozione Mariana di tutta la Polonia, anche conosciuto come luogo che ospita la tela della “Madonna Nera“.
La mattinata ha visto i pellegrini di tutta la Regione Marche ritrovarsi nel bellissimo Santuario per la celebrazione della Santa Eucarestia presieduta da Mons. Tani Vescovo di Urbino  e come concelebrante Mons. Rocconi Vescovo di Jesi e tutti i sacerdoti accompagnatori.

Nell’omelia Mons. Tani ha ricordato nell’omelia l’importanza della figura di Maria. Prendendo spunto dal Vangelo delle “Nozze di Cana” il Vescovo ha sottolineato come il seguire Maria è seguire Cristo.
Dopo la celebrazione i giovani hanno visitato il museo del Santuario, la torre campanaria e hanno ascoltato la storia del luogo di culto tanto caro a tutta la Polonia.

Al rientro in serata nella cittadina di Chorzów i ragazzi dopo aver cenato hanno partecipato ad un concerto in Chiesa organizzato da un movimento carismatico Polacco, con brani coinvolgenti che hanno permesso a tutti i presenti di “ballare” e di fare festa insieme.

I responsabili della Pastorale Giovanile diocesana su FB scrivono: “In una serata dove ancora i segni della morte bussano alla porta della vecchia Europa (Germania), i due “segni di violenza” delle Madre di Dio di Czestokowa, la commozione dei ragazzi all’uscita del santuario (sorpresa inaspettata!) e la loro festa dove senza conoscersi si sono ritrovati fratelli, fanno sperare che in Cristo un nuovo mondo è sempre possibile”.

A domani!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *