Montalto iniziata la sesta edizione della Casserata

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

CasseraDi Lauretanum

MONTALTO DELLE MARCHE – Anche in questa estate 2016 l’Associazione Giovanile Montaltese “My Clan” organizza la sesta edizione della Casserata.
Per le vie del borgo antico di Montalto delle Marche, chiamato appunto “Il Cassero” fin dai tempi antichi, i giovani montaltesi allestiranno una serie di stand gastronomici snodati lungo un percorso che va da Porta Patrizia a via Fabio Biondi, passando per Piazza Leopardi, un itinerario enogastronomico dal sapore fortemente piceno, e dalle caratteristiche di una festa tra le mura, resa però attualissima dall’assai giovane età degli organizzatori, e delle band che si esibiranno nelle due serate in programmazione, ogni anno tra le emergenti del nostro territorio e non solo. Tra le vie del paese si potranno quindi assaporare le delizie nostrane, dalle classiche olive fritte all’ascolana alle uova in trippa, e poi i celeberrimi taccù, i mitici arrosticini, l’immancabile carne alla brace.

Questa sera, sabato 16 Luglio saranno presenti i Folkappanka Bifolk Band e i Prophilax. Generalmente in questa musica giovane e per giovani la provincia è l’angolatura privilegiata da cui si guarda il mondo, forse perché il mondo ormai è un po’ paese, e forse perché il paese resta ancora una finestra da cui guardare il mondo “da fuori”. Si scoprono gli inganni dei mass-media che controllano e orientano i gusti di un pubblico sempre più distratto e non ci si piega alle logiche del consumo. Presente inoltre un simpatico tema per l’anno: “Se i quadri parlassero Montaltese”, che ricalca una moda degli ultimi tempi esplosa sui social, mettendo in bocca a svariati personaggi del mondo dell’arte frasi ed espressioni della quotidianità, e che caratterizza in tal modo anche lo stare insieme delle giovani generazioni, strappando magari un sorriso anche ai più avanti nell’età. Due serate dunque ricche di divertimento, con un’offerta che è concepita essenzialmente per giovani, ma che riesce a richiamare anche i più grandi nel fresco che le nostre dolci colline sanno offrire nella grande calura estiva.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *