Santa Sede, precisazioni della Segreteria di Stato in merito agli Ordini Equestri

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

La Santa Sede ha voluto fare chiarezza rilasciando un documento in merito agli Ordini Cavallereschi con il quale riconosce e tutela solamente l’Ordine di Malta e l’Ordine Equestre del Santo Sepolcro facendo finalmente chiarezza ed evitare futuri equivoci e abusi .

Infatti, a dimostrazione della appartenenza alla Santa Sede, è prerogativa del Pontefice scegliere il Prelato (il superiore ecclesiastico del clero dell’Ordine di Malta)  in una terna di nomi proposta dal Gran Maestro Il Prelato.

L’Ordine rimane fedele ai principi ispiratori, cioè la difesa della fede e il servizio ai sofferenti, e i suoi membri uniscono vocazione e impegno alla solidarietà, alla giustizia, alla pace, sulla base dell’insegnamento della dottrina evangelica, in strettissima comunione con la Santa Sede, esprimendo carità operosa e dinamica, sostenuta dalla preghiera. Si diventa Cavalieri o Dame dopo aver saputo rispondere all’invito ad operare là dove emergono bisogni materiali e morali, là dove si annida la sofferenza con il suo mistero.