Papa Francesco: il programma ufficiale del viaggio in Azerbaijan

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

La Sala Stampa vaticana ha reso noto ieri il programma del viaggio apostolico del Papa o in Georgia e Azerbaijan, dal 30 settembre al 2 ottobre prossimi. Nel primo pomeriggio Francesco arriverà all’aeroporto internazionale di Tbilisi. Dopo la cerimonia di benvenuto alle 15 circa è prevista la visita di cortesia al presidente della Repubblica. Nel cortile del Palazzo presidenziale si terrà il saluto con le autorità, la società civile e con il Corpo diplomatico. Presso il Palazzo del Patriarcato ci sarà invece l’incontro con sua Santità e Beatitudine Ilia II, Catholicos e patriarca di tutta la Georgia. L’abbraccio con la comunità assiro-caldea si terrà invece preso la chiesa cattolica di S.Simone il tintore. Il giorno dopo, sabato primo ottobre, ci sarà la Messa nello stadio M. Meskhi, poi l’incontro con i sacerdoti, religiosi e religiose presso la chiesa dell’Assunta. Toccante sarà la visita agli assistiti e con gli operatori delle opere di carità della Chiesa davanti al Centro di assistenza dei Camilliani, quindi la visita alla cattedrale patriarcale Svietyskhoveli di Mskheta. Domenica 2 ottobre, dopo la cerimonia di congedo all’aeroporto internazionale di Tbilisi, la partenza in aereo per Baku. All’arrivo all’aeroporto internazionale “Heydar Aliyev” è prevista l’accoglienza ufficiale,  poi la Santa Messa nella chiesa dell’Immacolata nel Centro salesiano a Baku e il pranzo con la comunità salesiana e con il seguito papale. La cerimonia protocollare di benvenuto si terrà nel piazzale del Palazzo presidenziale di Genclik, poi la visita di cortesia al Presidente. L’incontro con le autorità è in programma nel Centro “Heydar Aliyev”. Nell’omonima Moschea si terrà il colloquio privato con lo Sceicco dei Musulmani del Caucaso. Dopo l’incontro con il vescovo ortodosso di Baku e con il presidente della Comunità ebraica, la cerimonia di congedo all’aeroporto di Baku e la partenza per Roma.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *