Martinsicuro punto di partenza della pedagogia montessoriana nel Marcuzzo

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

La redazione ringrazia la Prof.ssa Laura Di Domenicantonio

MARTINSICURO – Il Metodo Montessori è un sistema educativo che prende la denominazione da Maria Montessori, una delle più grandi donne di Marca (di Chiaravalle, Provincia di Ancona, ndr.). Questo metodo è praticato in circa 20.000 scuole in tutto il mondo, al servizio dei bambini dalla nascita fino a diciotto anni.

La pedagogia montessoriana si basa sull’indipendenza, sulla libertà di scelta del proprio percorso educativo (entro limiti codificati) e sul rispetto per il naturale sviluppo fisico, psicologico e sociale del bambino.

Lo scorso 28 giugno si è svolto presso una gremita sala Consiliare il primo incontro formativo sul metodo Montessori, alla presenza del Vicepresidente dell’Associazione Montessori Onlus di Castelfidardo (AN) Luciano Moliterni e le docenti Flora Dommarumma e Monica Teodoro in rappresentanza dell’Opera Nazionale Montessori.

Il progetto di Martinsicuro è nato su iniziativa della Prof.ssa Laura Di Domenicantonio, docente di francese in diverse scuole secondarie del territorio e che cerca di promuovere questo metodo anche attraverso i Social Network, con il Gruppo Facebook “Creiamo una scuola Montessori a Martinsicuro… attiviamoci”.

Tale gruppo è finalizzato ad aggregare genitori (e non) dei comuni della vallata del Tronto e della costa abruzzese e marchigiana, al fine di creare un percorso di studi montessoriano nel nostro territorio, sensibilizzando le istituzioni e gli enti locali per favorire la nascita di questa esperienza ad alto valore aggiunto.

La serata dello scorso 28 giugno ha avuto una grande partecipazione di un pubblico molto attento  e l’apprezzamento della Giunta e delle istituzioni scolastiche cittadine. Un punto di partenza importante che ha visto l’adesione di numerosi genitori.

Vi ricordiamo il gruppo FACEBOOK “Creiamo una scuola Montessori a Martinsicuro… attiviamoci” per tutti i nostri lettori interessati all’iniziativa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *