VIDEO Ripatransone, pastore tedesco salvato dai giovani del Servizio Civile

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

RIPATRANSONE – La bella Cane salvataggionotizia è l’elemento cardine della nostra testata, del nostro lavoro, anche e  soprattutto nella semplicità. Vi raccontiamo questo fatto accaduto a Ripatransone nella mattinata del 29 giugno.

Sulla Strada Provinciale Cuprense, per essere precisi tra il bivio Contrada Quercia Ferrata e il bivio Contrada San Salvatore, più o meno a metà cammino tra Grottammare e Ripatransone, un pastore tedesco gironzolava pericolosamente al centro della strada. All’apparenza può sembrare un cane adulto, impaurito, ma in realtà si tratta di un cucciolo di appena sei mesi, che è fuggito dalla sua casa per ritrovare la sua proprietaria, momentaneamente assente.

Una situazione d’estremo pericolo, in cui l’essere umano armato d’automobile, potrebbe mostrare la sua crudeltà, ma se il cane è il migliore amico dell’uomo, a volte e per fortuna l’essere umano è il miglior amico del cane.

Così è stato per nove ragazzi del Servizio Civile Regionale provenienti da Ripatransone e diretti a Grottammare e San Benedetto. Le due autovetture con a bordo i giovani, tutti d’età inferiore a 28 anni, invece di tirare dritto in discesa, si sono fermati in questo punto critico della Cuprense e hanno prestato per più di un’ora le cure e gli affetti del caso al malcapitato cane, allertando le autorità e l’ASUR.

In questa situazione un ruolo decisivo l’hanno avuto i social network: grazie a internet e alla pagina Fb L’Amico Fedele, i giovani sono riusciti a contattare la proprietaria, che si è recata sul luogo del ritrovamento. Un gesto davvero ammirevole da parte di questi giovani e che deve essere preso come esempio in un contesto come quello italiano in cui nell’estate dello scorso anno più di 50000 mila cani sono stati abbandonati o scomparsi.

Invitiamo tutti coloro che sono alla visione del servizio, ad allertare le autorità competenti in queste situazioni nonché le associazioni di protezione animale, affinché questi nostri amici possano essere sottratti da queste crudeltà.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *