Caritas Italiana: 45 anni di attività nel segno della solidarietà

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

Scout CaritasCaritas italiana ricorda sabato 2 luglio i 45 anni di attività. Un’occasione per fare memoria delle origini, del tracciato storico e per riflettere sulle sfide presenti. “Al di sopra dell’aspetto puramente materiale della vostra attività, deve emergere la sua prevalente funzione pedagogica”: sono le parole di Papa Paolo VI alle Caritas (italiana e diocesane), pronunciate il 28 settembre 1972. Era il primo convegno nazionale delle Caritas diocesane. Su questa stessa linea il 21 aprile scorso Papa Francesco ha ricevuto in udienza Caritas Italiana e direttori e collaboratori delle Caritas diocesane, e ne ha voluto ribadirne ruolo e missione. “La vostra missione educativa, che mira sempre alla comunione nella Chiesa e a un servizio con ampi orizzonti, vi chiede l’impegno di un amore concreto verso ogni essere umano, con un’opzione preferenziale per i poveri”. “Di fronte alle sfide e alle contraddizioni del nostro tempo – ha poi aggiunto Bergoglio – ecco l’obiettivo principale del vostro essere e del vostro agire: essere stimolo e anima perché la comunità tutta cresca nella carità e sappia trovare strade sempre nuove per farsi vicina ai più poveri, capace di leggere e affrontare le situazioni che opprimono milioni di fratelli in Italia, in Europa, nel mondo”. Su questi temi oltre 600 direttori, animatori e operatori delle 220 Caritas diocesane e di Caritas Italiana si erano confrontati a Sacrofano, dal 18 al 20 aprile 2016 nel loro 38° Convegno nazionale.
Nel fare memoria dei 45 anni di Caritas Italiana, accanto alle storiche figure di mons. Giovanni Nervo e mons. Giuseppe Pasini, vengono ricordati oggi nel sito www.caritasitaliana.it il vescovo presidente Benito Cocchi, scomparso di recente, così come Claudio Francia, che ha accompagnato dall’inizio il cammino di Caritas Italiana, in particolare curando i microprogetti di sviluppo. Sin dai suoi primi passi Caritas Italiana ha infatti utilizzato i “microprogetti di sviluppo” come “strumento di supporto al processo di crescita ed emancipazione di persone e comunità, nei cinque continenti”. In 45 anni di attività sono stati 14.050 le micro realizzazioni in 466 diocesi di 72 Paesi di Africa, America latina, Asia, Europa dell’Est e Medio Oriente. E il lavoro prosegue nell’anno del Giubileo con la Campagna Caritas-Missio-Focsiv e le micro giubilari.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *