FOTO Che successo il musical “Aggiungi un posto a tavola” a Sant’Egidio alla Vibrata!

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

13570290_10210081324337987_490699842_o 13570117_10210081325298011_722131508_o 13569946_10210081325218009_1189170574_o 13569802_10210081321977928_1106640447_o 13555921_10210081325098006_1712668390_o 13555724_10210081323217959_19406897_o 13548929_10210081323977978_1727476391_o 13524055_10210081324537992_2017995755_o 13523821_10210081324817999_742210150_o

13575537_10210081321937927_1410723232_oSANT’EGIDIO ALLA VIBRATA – In piazza vecchia, nella serata di domenica 26 giugno, è andata in scena la commedia musicale in due atti preparata dall’associazione “Arpa e Cetra”, il celeberrimo musical degli anni ’70 “Aggiungi un posto a tavola”, che narra le vicende della parrocchia di un paesino di montagna alle prese con un secondo diluvio universale.

Le vicende di Don Silvestro e dei suoi parrocchiani, in particolare della giovane Clementina innamorata del suo parroco e fermamente decisa a conquistarlo e di Toto, un ragazzo ignaro del sesso ma miracolosamente reso virile da Dio stesso all’arrivo in paese di Consolazione, una donna di facili costumi destinata a redimersi, ha scatenato l’ilarità tra il pubblico, mostratosi vistosamente divertito, partecipe e inaspettatamente numeroso viste le incerte condizioni metereologiche.

Difficile, infatti, trattenere il riso davanti alle scene esilaranti, all’allegria sprigionata dai canti e dai balli portati in scena dai giovani attori, per la maggior parte tutti ragazzi appartenenti alle parrocchie di Sant’Egidio alla Vibrata e Paolantonio.

Presenti allo spettacolo anche il parroco di Sant’Egidio alla Vibrata, don Luigino Scarponi, e il consigliere comunale Annunzio Amatucci, che hanno speso parole di elogio per questa compagnia teatrale di giovane formazione e “capitanata” da Marco Della Torre: entrambi, infatti, anche se in maniera diversa, hanno sottolineato il valore di iniziative come questa, segno che esiste ancora tra i giovani un sano modo di stare insieme, un divertimento pulito, autentico e non dannoso che “porta frutti” e che può e deve essere di esempio per le nuove generazioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *