Parrocchia Madonna di Fatima: “Don Giacomo vogliamo ringraziare insieme a te il nostro Signore” per questi anni di sacerdozio

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

Valtesino1 Valtesino2Di Paola Vallorani e Alessio Rubicini

DIOCESI – Pubblichiamo la lettera della comunità della Parrocchia Madonna di Fatima in Valtesino di Ripatransone, primo di una lunga serie di articoli per festeggiare i 60 anni di ordinazione sacerdotale di Don Giacomo, parroco emerito della Chiesa Sacro Cuore di Martinsicuro. Domani pubblicheremo tutte le foto e il servizio della festa.

Carissimo Don Giacomo,
erano gli anni 60, quelli in cui, anche se non era lontano il ricordo della guerra, si viveva con l’entusiasmo di provare a costruire un futuro diverso.

In quegli anni a te, giovane prete, affidarono la Comunità della nostra vallata. Lì la gente lavorava alacremente nei campi tutto il giorno, nella speranza e nella consapevolezza di potersi affrancare dai pretenziosi proprietari terrieri. Non c’era molto allora in quella che sarebbe stata la tua Parrocchia: una casa con sotto un magazzino destinate rispettivamente ad essere l’una abitazione del Parroco e l’altro Chiesa per quella piccola Comunità. Tutto posto a ridosso di una strada di ghiaia battuta, trafficata dalle poche macchine di allora, dalle lambrette dell’epoca e da qualche mezzo agricolo ancora tirato dai buoi.

Al di là della “Chiesa”, che non aveva piazza né sagrato, c’erano i campi, le vigne e le colline verdeggianti. Eh sì, lì saresti stato proprio un prete di campagna!

La gente era poca, semplice e con la cultura che permettevano i tempi di allora ma era devota e con un fortissimo attaccamento ai propri valori: la fede, la famiglia ed il lavoro.

Tutti ti hanno accolto ed amato da subito e per loro sei diventato presto un punto di riferimento. Capisti subito che quella Comunità sarebbe cresciuta ed occorreva certamente costruire una Chiesa anche se piccola e senza pretese. Era il 1963 e dopo qualche anno, l’8 Maggio 1966 essa fu consacrata.

Sono passati più di 50 anni da allora e quella Comunità è divenuta numerosa, su quella strada a ridosso del sagrato sfrecciano macchine veloci, sui campi circostanti è sorto un Centro Residenziale, la gente è più colta e vive in un certo benessere ma ha straordinariamente conservato quei valori che hai conosciuto ed incoraggiato.

Quei bambini che battezzasti in quegli anni ora sono dei 50enni più o meno vivaci, altri non vivono più lì, i più giovani ti hanno conosciuto attraverso il racconto dei propri nonni… Altri amici, poi, oggi ti festeggiano assieme a tutti noi dal Cielo.

Insomma da quel germoglio di allora, è nata una Comunità viva, unita, solidale e festosa… Cosa potevi desiderare di più quando vedevi quelle 4 mura che persone infaticabili facevano crescere mattone dopo mattone fino a diventare la Casa che oggi ci accoglie ogni giorno per la nostra preghiera e la nostra lode al Signore?

Con questi sentimenti, caro Don Giacomo, siamo venuti stasera qui a Martinsicuro a far festa per i tuoi 60 di Sacerdozio insieme a questa Comunità che, dopo gli anni in Valtesino, ti ha accolto come suo pastore.

Sicuramente ascoltando questa parole, Don Giacomo, starai ripensando agli anni del tuo Ministero, a quanti doni il buon Dio ha saputo concederti lungo il tuo cammino ma anche alle tante fatiche che, sicuramente, hai dovuto affrontare.

Di tutto questo, stasera, vogliamo ringraziare insieme a te il nostro Signore che ormai tanti anni fa ti ha chiamato a renderlo presente sull’Altare e nei fratelli che, in questo tempo, hai saputo riunire nel Suo nome.

Caro Don Giacomo, infiniti auguri da parte di tutti noi della Parrocchia Madonna di Fatima in Valtesino di Ripatransone per questo importante Anniversario. Il buon Dio possa donarti ogni giorno tanta salute nel corpo e nello spirito per godere della Sua infinita Misericordia affinché tu possa manifestarla e dispensarla a tutti coloro che incontrerai lungo il tuo cammino.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *