ACLI Burraco al Centro dal 3 luglio

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

BurracoSAN BENEDETTO DEL TRONTO – “Burraco al centro”. E’ questo il titolo di una serie di manifestazioni promosse dall’Unione Sportiva Acli Marche nell’ambito del progetto “Metti in moto la mente – 3M project” realizzato col patrocinio e col sostegno del Consiglio Regionale Marche presso il centro commerciale Porto Grande in via Pasubio 144.

L’iniziativa prenderà il via domenica 3 luglio con lo svolgimento della terza tappa del Gran prix regionale di burraco che prenderà il via alle ore 16. La quota di iscrizione ammonta ad euro 10 e l’accreditamento delle coppie avverrà a partire dalle ore 15,30. Per le iscrizioni e per eventuali informazioni ci si può rivolgere al referente della manifestazione Massimiliano Mosca (tel. 3667347500).

Domenica 7 agosto, invece, ci sarà la sesta tappa del campionato provinciale singolo di burraco che prenderà il via alle ore 16 e che sta dunque entrando nella fase decisiva visto che in totale sono 10 le tappe della manifestazione. La quota di iscrizione è fissata in euro 5 e per le iscrizioni e le richieste di informazione ci si può rivolgere a Pierluigi (3357548616).

L’ultima iniziativa di questa estate dedicata al burraco avrà luogo domenica 4 settembre con lo svolgimento del torneo provinciale a squadre tra circoli ed associazioni di burraco dell’U.S. Acli, sempre con orario di inizio alle ore 16.

L’accreditamento delle coppie avverrà alle ore 15,30 e la quota di iscrizione è fissata per le ore 5.  Per le iscrizioni e le richieste di informazione ci si può rivolgere a Pierluigi (3357548616).

In tutte e tre le iniziative vige il regolamento del settore burraco dell’Unione Sportiva Acli.

Vale la pena di ricordare che il burraco è un gioco tradizionale di carte della famiglia della “pinnacola” che è nato nel 1940 in Uruguay e le cui partite sono state giocate in Italia per la prima volta in Puglia nella prima metà degli anni ’80.

Proprio dalla Puglia il gioco si è diffuso nelle altre regioni italiane fino a far contare oggi più di 3 milioni di praticanti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *