Montalto, tutto pronto per Lavandaso, la Festa della Lavanda della Valdaso

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

CampagnaDi lauretanum

MONTALTO DELLE MARCHE – Il Comitato per la festa “Lavandaso” con il Patrocinio del Comune di Montalto delle Marche e della rivista “Vita in Campagna” presenta la V edizione di “Lavandaso – Festa della Lavanda della Valdaso” presso Mulino di Sisto V, in Contrada Lago di Montalto delle Marche. Il Mulino di Sisto V è un’altra perla del nostro patrimonio culturale diffuso e “Lavandaso” contribuisce, tra l’altro, a farlo conoscere. L’edificio è un mulino fortificato del ‘300 che porta il nome del grande Papa di Montalto delle Marche, Sisto V. “Lavandaso” ha lo scopo di promuovere il territorio piceno, in particolare la Valdaso, attraverso il recupero della coltivazione della lavanda, la “spighetta” come veniva comunemente chiamata nel passato. Tale manifestazione rappresenta altresì un’occasione per la valorizzazione del patrimonio delle erbe naturali, eduli officinali e tintorie, con tutte le numerose declinazioni di questi prodotti, per mettere in moto creatività, per favorire relazioni sociali, in particolare nel settore di un turismo ecocompatibile, per stimolare la fantasia, per migliorare la qualità della vita e, non ultimo, per incentivare una economia integrativa a beneficio di piccoli imprenditori creativi che non hanno grossi capitali da investire. Diverse le Mostre e i Laboratori – a partire dalle ore 10:00 – con l’inaugurazione della Mostra d’Arte: “Pionieri dell’agricoltura”; l’“Allegria del saltarello: come muovere i primi passi”; l’avvicinamento al “Djembé”, la “Pizzica sensoriale: arte e movimento”; l’avvicinamento allo yoga; una passeggiata fotografica, una “Passeggiata sensoriale: storie racconti e paesaggi”. Durante la manifestazione si svolgeranno inoltre: un laboratorio di panificazione e pizza, un laboratorio di distillazione della lavanda, un laboratorio di confezionamento dei sacchetti di lavanda, un laboratorio di riutilizzo di materiali di riciclo, un laboratorio espressivo in terra cruda. Infine i Convegni e i Seminari – a partire dalle ore 10:45 – con i saluti istituzionali, quindi alle ore 11:00 “Le Marche e la dieta mediterranea: uno stile di vita”: coordina il giornalista Alberto Locatelli (de “La vita in campagna”); “Agricoltura di qualità: il modello della cooperativa agricola di comunità” con Olimpia Gobbi e Francesco Donadini; “Turismo relazionale e dieta mediterranea – Student competition” – con Adolfo Leoni e Antonella Nonnis; “Showcooking: il pesce di campagna, strummu, sardelle e vaccalà” approccio “archeo-moderno” alla nostra tradizione culinaria con giovani e affermati chef che rivisiteranno in chiave moderna antiche ricette della tradizione, affiancati e coadiuvati dagli allievi della scuola alberghiera. Ancora alle ore 16:30 la presentazione del libro “I racconti del piatto” di Roberto Ferretti. Anche gli spettacoli – a partire dalle ore 11:30 con il “Battesimo della sella”, spettacolo con i cavalli per bambini, e alle ore 19:00 gli sbandieratori della “Cavalcata dell’Assunta” di Fermo; infine alle ore 21:00 il “Concerto a lume di candela e profumo di lavanda”, con violoncello e chitarra del duo Fiore e il flauto del Maestro Dante Milozzi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *