Solidarietà: Acs, parte la campagna fondi “Be God’s Mercy” sostenuta da Papa Francesco

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

Venerdì 17 giugno (ore 13, Sala Marconi), presso la sede della Radio Vaticana, la fondazione pontificia Aiuto alla Chiesa che soffre presenterà “Be God’s Mercy” (Sii la misericordia di Dio), la campagna internazionale di raccolta fondi – che durerà dal 17 giugno al 4 ottobre – per la realizzazione di numerose opere di misericordia in tutto il mondo. Un’iniziativa che Papa Francesco ha voluto “sposare” invitando tutti, in un video messaggio che sarà proiettato durante la conferenza, “a realizzare assieme a Acs in ogni luogo del mondo, opere di misericordia durature, che incontrino le tante necessità di oggi”. Pastorale carceraria, centri di riabilitazione, gruppi di sostegno per donne che hanno subito violenza, aiuti ai rifugiati, sono solo alcune delle tipologie di intervento che saranno finanziate. La campagna sarà sostenuta da ciascuna delle 22 sedi della fondazione nel mondo e si concluderà a Roma il 4 ottobre, giorno di San Francesco, quando Acs presenterà al Pontefice i primi “frutti” dell’iniziativa. Il primo benefattore della campagna è stato proprio Papa Francesco che, in occasione di un recente viaggio di una delegazione italiana di Acs ad Erbil, nel Kurdistan iracheno, ha affidato alla Fondazione un contributo per cristiani iracheni, attraverso il vescovo di Carpi, monsignor Francesco Cavina. La donazione del Pontefice sarà devoluta alla clinica St. Joseph Charity di Erbil, che offre cure mediche gratuite a circa 2800 rifugiati di ogni religione. Il progetto sarà descritto durante la conferenza stampa di venerdì 17 giugno, da don Imad Gargees, un sacerdote del Kurdistan iracheno, che mostrerà anche un videomessaggio di ringraziamento per il Papa da parte dell’arcivescovo caldeo di Erbil, monsignor Bashar Warda, e di alcuni pazienti della clinica. Alla conferenza stampa, parteciperanno il presidente internazionale di Acs, il cardinale Mauro Piacenza, ed il segretario generale della Fondazione Philipp Ozores.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *