Siria: Salesiani Aleppo, al via l’Estate ragazzi, oratorio estivo con 800 partecipanti

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

OratorioE’ partita l’“Estate ragazzi” dell’oratorio salesiano di Aleppo, in Siria. Vi partecipano circa 800 tra ragazzi e ragazze, assistiti dalla comunità dei Figli di Don Bosco, l’aiuto di quasi 85 animatori di varie età, e in maniera diversa l’intera Famiglia Salesiana della città martire siriana. “Nonostante la guerra e il buio che da essa deriva, cerchiamo di accendere qualche lumino di speranza nel cuore dei ragazzi di Aleppo. Con molta cautela cerchiamo di portare i ragazzi all’oratorio con l’autobus, affinché possano vivere qualche ora nella gioia e nella serenità” racconta don Pier Jabloyan, salesiano siriano. Quest’anno, riferisce l’agenzia salesiana Ans, il tema dell’Estate ragazzi ruota attorno alla misericordia, a partire dalla storia del profeta Giona. “È un tema molto attuale per noi, non soltanto perché quest’anno c’è il Giubileo, ma perché ci tocca in profondità: la nostra terra ha bisogno di misericordia, di quella che deriva da Dio. In questa guerra spietata la città vive la massima contraddizione: da un lato tutta la cittadinanza è costretta a vivere la guerra in pieno, con la paura della guerriglia e dei cecchini, le esplosioni, la mancanza di servizi pubblici, la morte aleggiante, le malattie… dall’altra la comunità educativa si sforza di vivere la quotidianità il più possibile nella pace e nella quotidianità, ripristinando appena possibile scuola, gite, gioco, attività… E in questo l’oratorio salesiano è uno dei protagonisti”. “In tutto ciò, come Figli di Don Bosco cerchiamo di fare il massimo dei nostri sforzi per i nostri giovani più poveri. Solo il Signore sa come vanno avanti le cose qui. Pregate per noi, perché in questi giorni sembra che ci aspettano giornate difficili” conclude don Jabloyan.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *