Caritas diocesana: Tornino i volti al centro delle nostre vite

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

Caritas4La Caritas diocesana

DIOCESI “E che cosa sarebbe, mio Signore, una giornata senza volti? Senza volti fissati perdutamente negli occhi o dolcemente accarezzati nel cuore? Niente più che il regno del vuoto più raggelante. Sono essi lo spazio e  l’attesa della vita” (Angelo Casati).

Tra le tante e-mail arrivate alla Caritas ce n’è anche una con la proposta di “bomboniere solidali” in occasione di cerimonie come battesimi,  matrimoni ecc. al fine di aiutare gli animali meno fortunati. Non è certamente nostra intenzione mettere in contrapposizione animali e persone ma ci sembra che a questo punto sia opportuno focalizzare i valori dell’esistenza umana. Se infatti é importante il rispetto per le piante e per gli animali, non si può comunque dimenticare la centralità dell’uomo nel contesto del creato. Chiaramente è più facile relazionarsi con un gatto o con un cane, piuttosto che con il coniuge, i figli, il vicino o l’immigrato, ma le due cose non possono essere poste sullo stesso piano.

Scriveva il filosofo Italo Mancini “La domanda sul futuro è quella  legata alla comunione dei volti, a cosa ci sia da fare e da patire nel vivere faccia a faccia con il volto degli altri. Sarà una strada lunga: ma è già certo che se nel faccia a faccia prevale la faccia mia, allora è confermato il mondo della sopraffazione e della prevaricazione; se invece, come dovrebbe, prevale, per essere umani e cristiani, la faccia dell’altro e il suo diritto senza reciproca, fino alla soppressione di me, fino alla sostituzione completa di me in lui, allora è un’altra cosa, quell’altra cosa sempre intravista e mai posseduta. La coesistenza dei volti, risolta nell’amore del prossimo e nello svuotamento di sé,
ha una patria: la patria della pace. Il nome della cosa, che è poi il più antico, non è l’essere, non è l’io, non è il conoscere, ma l’altro, il prossimo….Il resto, compresa la conoscenza e la  carezza, sarà dato in sovrappiù”.

Prima che di ogni altra cosa la nostra vita è fatta di volti, volti incontrati, volti di fratelli al di là del colore, della razza, dell’età… Forse, oggi più che mai, alla Chiesa è chiesto di alzare
la sua voce profetica perché “tornino i volti”, i volti dei nostri familiari, quelli di chi nella Chiesa cammina con noi, dei disperati, degli immigrati, degli ultimi che la storia ci fa incrociare tutti i giorni. Chissà che la via d’uscita da questa infinita crisi non sia proprio quella che parte da un ritorno a contemplare i volti, in silenzio, a lungo, perdutamente. Senza definirli, senza possederli, adorandone il mistero. Un giorno avremo anche la gioia di scoprire di aver intravisto, accolto, accarezzato,  il volto stesso di Dio.

Per aiutarci in questo cammino di conversione proponiamo tre iniziative:

  1. Un incontro di formazione, l’ultimo per quest’anno, per tutti i volontari della Caritas
    parrocchiali e diocesana che si terrà lunedì 13 giugno alle ore 21.00 presso l’auditorium della Caritas in via Madonna della Pietà 111. Don Lanfranco Iachetti e la dott.ssa Chiara Verdecchia ci aiuteranno a riflettere sul tema: “Accoglienza e autorità nella relazione educativa”.
  2. Turnazione delle Parrocchie alla mensa diocesana. Durante l’estate la
    Caritas non va in vacanza e per fare questo ha bisogno di un maggiore coinvolgimento delle comunità parrocchiali, in modo particolare dei gruppi giovanili. Sarebbe davvero bello poter organizzare dei turni per il servizio alla mensa, gruppi di almeno 5/6 persone ogni giorno. Comunicateci via email la disponibilità caritas@diocesisbt.it. Intanto ringraziamo tutti i gruppi che in quest’anno sono venuti a farci visita e prestare un servizio.
  3. Revisione dello statuto della Caritas diocesana e parrocchiale. L’attenzione ai volti nelle comunità cristiane passa anche attraverso l’animazione delle Caritas parrocchiali, che hanno una valenza prevalentemente pedagogica. È bene che, passando per gli organi di partecipazione, rivediamo insieme lo statuto, per poi comunicare al Vescovo eventuali proposte e suggerimenti. Questo ci permetterà di confrontarci ed eventualmente ristrutturare questo importante organismo pastorale che deve essere presente in ogni parrocchia.

Nel ringraziare per la disponibilità, ricordiamo che è uscito il bando per il servizio civile presso la nostra Caritas diocesana e che  tutte le informazioni si possono trovare sul sito della diocesi: www.diocesisbt.it .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *