“Strana… mente Artista” a tu per tu con Emidio Mozzoni

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

EmidioDi Carlo Gentili, leggi le precedenti interviste, clicca qui

DIOCESI – Proseguono le interviste curate da Carlo Gentili agli artisti del territorio. Quella che vi presentiamo oggi è stata realizzata a Emidio Mozzoni.

Emidio “Sono un uomo che usa la pittura o pittoscultura come forma espressiva, per rappresentare e rappresentarmi nella forma che ritengo più valida e reale nel mio essere e nel mio vissuto. Autodidatta, incominciai a cimentarmi nella pittura con passione a trent’anni, dopo un grave incidente, anche se fin dall’ elementari provavo gioia per i colori. Ho aderito a concorsi ed estemporanee di pittura, allestito mostre personali e partecipato a collettive, i miei dipinti sono in collezioni private e pubbliche. Frequento fiere artistiche, gallerie ed eventi a livello mondiale, tenendomi sempre aggiornato sull’andamento dell’arte visiva”

Perché  si dipinge? Perché si crea ? Cosa intendi trasmettere con le tue opere?
Dipingo per amore della natura, per amore del bello, per la creatività che in me scaturisce nell’eseguirla, per la gioia di vivere testimoniandolo nelle forme e nei colori e per  momenti di serenità.
Ciò che realizzo è una preghiera costante rivolta al creato, alla nostra Terra non ben trattata, agli elementi atmosferici, alle stagioni, a tutti i trecento sessantacinque giorni dell’anno, in tutte le condizioni della giornata. Osservare con amore ed armonia. Questo per me è preghiera e creazione.
Con i miei lavori vorrei trasmettere il mio grande e profondo amore per il creato e la mia meraviglia per i colori, le forme, i materiali e l’architettura paesaggistica che,  ad ogni mutazione di stagione è per me un miracolo delle vita.

Se dovessi spiegare in poche righe  il tuo pensiero artistico ad un ragazzino , cosa gli diresti?
Mi rivolgo spesso ai giovani, in particolar modo ai miei nipotini. Vorrei insegnare loro a capire il dono che il mondo ci ha messo a disposizione per renderci felici, tramite i disegni, i colori e vari elementi per creare l’ armonia. Succede spesso che sono loro a stupirmi con le domande e i loro disegni. L’ innocenza è la condizione migliore per rappresentare semplicemente le cose che sono intorno a noi e a comportarci di conseguenza.

Pensi che l’arte possa incidere nell’educazione e nella cultura?
L’Arte è educazione, l’Arte è cultura, l’Arte è il perpetuarsi della conoscenza e del sapere, tenendoci lontano da comportamenti sgradevoli e da pensieri che intorbidiscono la nostra mente e quella altrui. L’Arte è armonia dello spirito e del corpo. Ci fa essere in pace con la vita.

l tuo ricordo più’ bello legato all’arte?
I ricordi più belli legati all’arte, cominciano nell’infanzia, osservando con la mente fertile di un bimbo, i colori e l’architettura paesaggistica che mi circondava. Le stagioni, gli elementi atmosferici, i giorni dell’anno, i cicli della natura che si perpetuavano, le feste, i giorni e le notti. Posso dire che con queste naturali performance già sentivo che l’arte sarebbe poi venuta a me.

Arte come altruismo  o arte come esaltazione del se’?
Non faccio arte per altruismo ne per esaltarmi. Creo semplicemente per rendere onore alle cose belle e vitali,  per avvicinarle a chi per fretta o per distrazione non percepisce ciò che la natura incondizionatamente ci dona per essere serenamente in simbiosi con essa.

Il tuo mondo di fantasia è popolato da …..
Il mio mondo fantastico è popolato dalla realtà. Non devo inventare cose che ho a disposizione realmente. Questo è ciò che rimarrà per sempre.

L’artista è solo un sognatore  staccato dalla realtà o concentra in sé una personale  visione del mondo che la società  deve saper ascoltare?
L’ artista secondo me, concentra in se una personale visione del mondo che lo circonda con cui interagisce per trasmettere alla società in modo duraturo, il suo concetto di rappresentare l’arte.

Arte e spiritualità nella tua opera.  Spirito Religioso  o misticismo entrano nei tuoi dipinti?
La spiritualità nei miei lavori sono nel momento del concepimento e nella realizzazione. Religiosità non è un concetto che sento. Un religioso ha affermato che lo sono più di tanti altri. Forse il misticismo m’avvicina alla realizzazione di ciò che creo.
Una cosa la sento certa, siamo in un Paradiso Terrestre. Abbiamo tutto ciò che occorre per vivere. Crediamoci di più nell’arte, l’arte è armonia. Amando l’arte ricorriamo di più al bene, alla pace, alla serenità.

One thought on ““Strana… mente Artista” a tu per tu con Emidio Mozzoni

  • 2 giugno 2016 at 18:16
    Permalink

    Sei un grande! !!!

    Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *