Don Nicola Spinozzi nuovo segretario della commissione missionaria regionale

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

MissioDIOCESI – Martedì 24 maggio, guidata dal suo presidente S. E. Mons. Giovanni D’Ercole vescovo di Ascoli Piceno, si è riunita la commissione missionaria regionale delle Marche presso il seminario regionale di Ancona. Molte le questioni all’ordine del giorno, ma il primo e più importante appuntamento è consistito nell’elezione del nuovo segretario della commissione che affiancherà Mons. D’Ercole. Con una maggioranza di ben 12 voti su 19 votanti Don Nicola Spinozzi, parroco di S. Maria Assunta a Cossignano e presidente del Centro Missionario Diocesano di S. Benedetto del Tronto-Ripatransone-Montalto, è risultato eletto segretario e prenderà il posto del precedente incaricato Don Alberto Forconi del C.M.D. di Macerata. Sono stati nominati vice-segretari Don Giancarlo De Santi, del C.M.D. di Fano-Fossombrone-Cagli-Pergola, e Don Michele Rossini del C.M.D. di Pesaro. Su proposta di Don Spinozzi, sia Don Forconi che la signora Raffaella Fermani (collaboratrice del C.M.D. di Macerata e precedente vice-segretaria della commissione regionale), in virtù della loro lunga e consolidata esperienza in materia, continueranno a collaborare con l’attuale segreteria della commissione.
Diverse idee sono state avanzate per stabilire le linee guida delle future attività pastorali missionarie: prima di tutto si è sentita la necessità di cercare un più ampio coinvolgimento da parte dei laici, in particolare le donne e i giovani. Quindi si è auspicata una maggiore comunicazione e comunione fra le diocesi marchigiane e non, con la richiesta di aprirsi e di far conoscere in modo migliore i propri progetti. Tutti sono stati d’accordo nella proposta di incrementare l’attività pastorale ad gentes sia ad intra che ad extra, che significa ampliare il lavoro sul campo sia verso altri paesi e popoli che sul proprio territorio, in quanto il termine cattolico significa universale. Naturalmente questo implica un nuovo modo di intendere la missionarietà, un cambiamento che parte dall’interno delle singole comunità e può esplicitarsi, per esempio, in più frequenti collaborazioni con la pastorale Migrantes, con le Caritas diocesane e altri organismi simili. Si è parlato inoltre della necessità di non limitarsi a operare col fine unico di produrre aiuti materiali alle missioni, ma soprattutto di incrementare la spiritualità e l’evangelizzazione (o la ri-evangelizzazione).
L’ordine del giorno della riunione è proseguito quindi con il resoconto delle esperienze e dei principali progetti realizzati o in cantiere nelle varie diocesi, in particolar modo nel periodo estivo: a Fano viene organizzato ogni anno un campo-scuola missionario; questa estate si svolgerà dal 10 al 16 luglio e coinvolgerà giovani dai 16 ai 20 anni; è un campo itinerante fra le parrocchie cittadine e per questo appuntamento il tema sarà “le opere di misericordia”. A Senigallia si terranno come ogni anno degli incontri di preparazione in vista di esperienze di missione da parte di medici nel Mato Grosso. A Pesaro il C.M.D. collabora da tempo con diverse parrocchie nella preparazione di laboratori estivi che arrivano a coinvolgere anche 200 bambini. A Urbino viene allestita, come ormai da ben 42 anni, la più grande mostra-mercato missionaria d’Italia, con un’affluenza anche di 400 persone al giorno; stavolta si svolgerà dal 24 luglio al 31 agosto presso la chiesa di S. Domenico. Il C.M.D. di Jesi lavora a numerosi progetti sempre in stretta cooperazione con la Caritas. A Macerata è in programma per il 27 maggio un incontro col responsabile nazionale di Missio Giovani Alessandro Zappalà. Ad Ascoli proseguono le vocazioni missionarie di molte famiglie che seguono il cammino neocatecumenale impegnate in progetti di lunga durata all’estero; è molto attiva anche la collaborazione con Operazione Mato Grosso. Nella nostra diocesi è sempre molto efficiente il progetto “dona un prete” che consiste nell’adozione a distanza di un seminarista fino all’ordinazione sacerdotale, mentre l’edizione di quest’anno della seguitissima mostra dedicata al grande gesuita missionario Matteo Ricci si terrà dal 22 luglio al 21agosto presso la parrocchia S. Gabriele dell’Addolorata a Villa Rosa di Martinsicuro.
Penultimo argomento di discussione è stato il vaglio delle varie proposte di formazione missionaria per il 2016: il 14 e 15 giugno si terrà un laboratorio presso il C.U.M. di Verona sul tema “la gioia del Vangelo. Papa Francesco e la riforma della Chiesa”. Ad Assisi dal 25 al 28 agosto ci sarà la quattordicesima edizione delle bellissime giornate di formazione e spiritualità missionaria. Il 26 ottobre si svolgerà il Giubileo Missionario presso il celeberrimo santuario del Divino Amore.
L’ultimo punto esaminato è stato il progetto di organizzare una visita da parte della commissione missionaria regionale al completo a S. E. Mons. Gervasio Gestori, vescovo emerito di S. Benedetto del Tronto-Ripatransone-Montalto, che per diversi anni ha guidato questo organismo pastorale.
La prossima riunione è prevista per il 20 settembre presso il complesso dei Padri Scalabriniani a Loreto.

One thought on “Don Nicola Spinozzi nuovo segretario della commissione missionaria regionale

  • 26 maggio 2016 at 19:09
    Permalink

    Congratulazioni e auguri per il nuovo importante incarico. Ciao.

    Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *