Arte e fede: Ucai, premiati i vincitori del concorso “Per il Giubileo”

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

Sono Raffaele Russo (categoria pittura), Christian Cremona (categoria fotografia), don Giuseppe Magrin (categoria poesia), Rita Belpasso (categoria social), i vincitori per la sezione adulti del concorso “L’Ucai per il Giubileo”, che nella mattinata di ieri hanno ricevuto il riconoscimento a Roma dall’Unione cattolica artisti italiani (Ucai) nella Sala Capitolare del convento domenicano di Santa Maria sopra Minerva. Nella sezione studenti i vincitori sono: Elisabetta Mokhtarians (categoria disegno), Francesco Martelli (categoria fotografia), Nicole Buonaccorsi (categoria poesia e social). Ad altri artisti delle due sezioni sono stare assegnate menzioni d’onore. Ad aprire la cerimonia il messaggio di monsignor Rino Fisichella, presidente del Pontificio Consiglio per la promozione della nuova evangelizzazione: “Certamente la bellezza resta via privilegiata per l’evangelizzazione e sono contento che l’Unione cattolica artisti italiani si sia fatta promotrice di questa anche in occasione del Giubileo Straordinario della Misericordia”. Parole di incoraggiamento anche da Antonio Urrata, direttore della Fondazione Ente dello spettacolo, tra i partner dell’iniziativa: “È un evento unico nel suo genere, che offre una concreta opportunità a molti giovani di mettere in risalto la loro sensibilità artistica attraverso una personale visione della Misericordia”. Nel corso della manifestazione, condotta dall’attore Giovanni Scifoni, sono state presentate esperienze di misericordia, alcune delle quali interpretate dalle giovani allieve della Star Rose Academy, sotto la direzione di Claudia Koll. Tutte le opere dei finalisti sono state esposte nel chiostro del convento. Della giuria, presieduta da don Valerio Pennasso, direttore dell’Ufficio nazionale per i beni culturali ecclesiastici della Cei, hanno fatto parte Romano Cappelletto, Giovanni Gazzaneo, Blasco Giurato,  Gianfranco Pannone, Giuseppe Paoli.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *