Al Concordia è andato in scena “I bambini raccontano”

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

teatroSAN BENEDETTO DEL TRONTO – “I bambini raccontano”  è il titolo dello spettacolo presentato giovedì 28 aprile al Teatro  Concordia  dalle classi terze A e D della scuola primaria Bice Piacentini. L’esibizione è stata il coronamento di   un percorso lungo un anno, un percorso ampio e multidisciplinare, in cui si sono intrecciate varie discipline: italiano, storia locale, musica, arte…….ma con un occhio sempre puntato verso il mondo dei bambini e che bambini stessi hanno raccontato,  il mondo di ieri e di oggi. Ospiti della serata la classe IV B con il canto “Vòta  tonne  tonne”  testo e musica dell’insegnante,  prof.ssa Rita Spaletra  e il coro delle classi terze del plesso, coordinato dal professor Olori, con due suoi brani:  Farocchio e Strillone e  Ciao  amico mare. Gli alunni della IIID hanno interpretato poesie in vernacolo di famosi  autori locali, SCHI FRECHÌ di Bice Piacentini  e LA SETTEMANE DE LU FENARE di Ernesto Spina,  inoltre  hanno presentato una scenetta scritta da Rita Spaletra e ispirata alla statua di Mark Kostabi,  “LU MAMMUCCE”. La IIIA ha presentato due scenette in vernacolo scritte dall’insegnante Marisa Taffora: A   SSA CAGNATE LU MÒNNE e E CHE SCI NU CUNÈLLE?  Entrambe le classi hanno arricchito le  loro rappresentazioni del passato, con conte e filastrocche popolari. I ragazzi della IIIA  inoltre hanno riproposto SMONTA IL BULLO, una performance scritta e condotta da Giulia Capriotti e Davide  Calvaresi  della compagnia teatrale 7/8 chili di Offida. Il laboratorio teatrale seguito dai ragazzi in questo anno è stato reso possibile grazie al Comune e all’associazione “ Città dei bambini e delle bambine”.  La classe si era già esibita il 12 aprile al Palariviera per le scuole della città e ha poi riproposto il testo al Concordia per le famiglie.  È stata una serata fantastica in  cui si sono fusi passato e  presente in un’armonia di suoni, di voci, di gesti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *