A San Benedetto arriva la festa di primavera

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

PrimaveraSAN BENEDETTO DEL TRONTO – Sabato prossimo 7 maggio, in zona Ponterotto a San Benedetto del Tronto, Spazio Tangram (presso la ludoteca comunale Soqquadro) e Piazza della Libertà saranno trasformate in un grande campo da gioco, con tantissime attività per tutti, piccoli e grandi, all’insegna del gioco, della partecipazione e della socialità: olimpiadi dei giochi tradizionali, laboratorio di pittura, palloncini, truccabimbi, ping-pong, biliardino, laboratorio artistico “Le città possibili”, laboratorio florovivaistico, musica e merenda per tutti.

La ludoteca chiude le porte per fare largo alla bella stagione e al gioco all’aperto, Tangram e lo staff della ludoteca intendono così salutare tutti coloro che hanno condiviso un anno denso di emozioni, affetti, attività, giochi e tanto altro.

Il bilancio conclusivo di questo anno educativo 2015/2016 è estremamente positivo. Tangram ha saputo interpretare le esigenze delle famiglie, offrendo proposte innovative e qualificate. A dirlo sono i dati: oltre 2000 utenti hanno usufruito dei servizi svolti da giugno 2015 ad aprile 2016. 500 minori iscritti al servizio ludoteca, 18 bambini e bambine dai 3 ai 36 mesi al servizio Spazio bambini, bambine e famiglie, 14 bambini e bambine frequentanti il Centro Infanzia, 32 mamme e nonne partecipanti ai corsi di fitness (gymamma, yoga e risveglio muscolare).

Grazie al progetto promosso dalla Cooperativa sociale Tangram e realizzato insieme alla Fondazione Cassa di Risparmio di Ascoli Piceno, che oltre al restyling dei locali ha investito nella professionalità del personale impiegato e alle attività innovative proposte, il Servizio ludoteche ha quadruplicato, rispetto al 2013, la frequenza media giornaliera, che si è attestata sulle 40 unità.

La festa di primavera, alla sua prima edizione, quest’anno prende il titolo “La città possibile”, volendo caratterizzarsi sul tema molto attuale della partecipazione, dell’ascolto e della progettazione partecipata. Il titolo, infatti, prende spunto dal testo di Italo Calvino “Le città invisibili”. Lo scrittore, nel suo testo, sceglie di dare dei nomi di donna a luoghi immaginari come se fossero lettere d’amore. Ogni città rappresenta un’idea, uno stato d’animo, una visione suggestiva del mondo e dell’uomo. Il gioco combinatorio è alla base della struttura de Le città invisibili in cui il lettore può seguire la sua strada passando liberamente dalla descrizione di una città ad un’altra. Così come il lettore, anche i partecipanti potranno divertirsi scegliendo la strada preferita in un percorso interattivo che li porterà all’elaborazione di una personale città immaginaria. Questa sarà infine esposta in una installazione collettiva.

Il programma prevede un’attività la mattina dalle ore 9,00 alle ore 12,30 riservata a 4 classi della Scuola Primaria Moretti, mentre il pomeriggio a partire dalle ore 17.00 la manifestazione sarà aperta a tutti.

Le attività saranno libere e gratuite ad eccezione del laboratorio artistico e florovivaistico che prevede un contributo minimo di partecipazione. L’intero ricavato verrà devoluto a sostegno del progetto Bilinguismo della Sezione Montessori della Scuola dell’Infanzia di Via Puglia. “La nostra intenzione”, dichiara Francesco Ciarrocchi (Presidente della Cooperativa sociale Tangram), “è di dare vita ad un’iniziativa annuale finalizzata a sostenere un progetto meritevole del territorio, proponendo un modello di società solidale, mutualistica ed in grado di cooperare per il bene comune”.

Il progetto bilinguismo nasce dalla volontà dei genitori dei bambini frequentanti la sezione Montessori della Scuola Infanzia di via Puglia ed è autofinanziato dagli stessi con l’aiuto ed il sostegno di alcuni soggetti del territorio .

Siamo contenti che il progetto pilota per il bilinguismo nella sezione dell’infanzia di Via Puglia, voluto dal gruppo promotore dei genitori e dall’Associazione Montessori Onlus, abbia trovato il plauso dell’Isc Nord – dichiara Annalisa Angellotti, referente del progetto e presidente di Gate-away.com che ha contribuito all’avvio del progetto – e per questo ringraziamo la dirigente Giuseppina Carosi per il suo supporto. Ci rende ancor più soddisfatti e certi della bontà dell’iniziativa il fatto che la Cooperativa Tangram abbia deciso di aderire alla raccolta fondi che abbiamo iniziato per coprire il triennio di attività, devolvendo i ricavati della Festa di primavera al nostro progetto. Ci auguriamo che anche altre realtà del territorio possano darci una mano a completarlo”.

L’iniziativa è realizzata insieme alla Fondazione Cassa di Risparmio di Ascoli Piceno e al Comune di San Benedetto del Tronto, con la partecipazione e la collaborazione della Cooperativa Sociale Primavera, del Comitato di Quartiere Ponterotto, dell’AIPD sezione di San Benedetto del Tronto e del Circolo Socio-culturale Ponterotto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *