Monastero Santa Speranza, S. Messa per le vocazioni, Vescovo Bresciani: sosteniamo i nostri sacerdoti

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

Di Floriana Palestini

DIOCESI – Giovedì 5 maggio il vescovo Carlo Bresciani ha presieduto la S. Messa vespertina nel primo giovedì del mese presso il monastero Santa Speranza, con l’intenzione di pregare per le vocazioni di speciale consacrazione.
A concelebrare con mons. Bresciani erano presenti anche don Gianni Croci (pastorale diocesana) e padre Amerigo dei padri somaschi, originario della nostra diocesi e ora missionario in Brasile. Durante l’omelia il vescovo Carlo ha fatto riferimento all’importanza di vocazioni, in quanto da esse nascono intermediari tra la Parola e la comunità (trascrizione n.d.r.): «Non possiamo essere cristiani se non ci preoccupiamo che la parola di Dio giunga a tutti, ma c’è bisogno che qualcuno si faccia carico di annunciarla: vuol dire che la vocazione che il Signore dà a ciascuno di noi è farsi carico della responsabilità della Parola di Dio da portare. Dobbiamo sostenere i nostri sacerdoti: essi hanno anche momenti in cui incontrano, come Paolo, delle difficoltà e hanno bisogno del sostegno della Chiesa. Specialmente in quei momenti dobbiamo pregare perché il Signore ci doni vocazioni, perché Egli sostenga nel ministero coloro che ha chiamato. Questo è “collaborare” con i sacerdoti, un’azione che va dal pregare per loro a tutte le altre collaborazioni che possiamo dare perché la Chiesa si formi in tutta la sua pienezza.

Da questa giornata per le vocazioni emerge come tutti noi insieme facciamo sì che questa preghiera diventi l’invocazione del Signore e un camminare insieme facendosi carico della parola di Dio, perché la salvezza del Signore possa davvero giungere a tutti i popoli». Esortando dunque i fedeli a pregare per le vocazioni future e per quelle attuali, il vescovo ha poi impartito la sua benedizione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *