S. Camillo De Lelli, oggi a Monteprandone si celebra la giornata del Malato

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

Regina PacisFernando Ciarrocchi

MONTEPRANDONE – Radicati nella devozione a S. Camillo De Lelli, Patrono dei: operatori sanitari, malati, sofferenti, luoghi di cura, mercoledì 4 maggio alle ore 15,00 i fedeli della Chiesa “Regina Pacis”,  parteciperanno alla S. Messa celebrata in parrocchia in occasione della Giornata del Malato.
La solenne funzione religiosa sarà presieduta dal P.Emilio Blasi, Superiore Provinciale dei Camilliani della Provincia di Roma.

Questo avvenimento di fede è un appuntamento della pastorale parrocchiale poiché nella chiesa parrocchiale è conservata con grande rispetto e devozione una reliquia di San Camillo permanentemente esposta insieme alla statua realizzata nel 2011.

Qualcuno mosso da sana curiosità si chiederà, ma chi era San Camillo de Lellis? La risposta l’abbiamo trovata in una pubblicazione dedicata al Santo di cui riportiamo integralmente il testo.

“Camillo, un ragazzo scapestrato che , sopraffatto dai vizi, rifiuta ogni regola; un giovane, che caduto nella disperazione e nel vuoto più profondo, attraverso la fede sa rialzarsi, dare un senso alla propria vita valorizzando quella degli altri, dei poveri, dei malati, fino a vedere nel loro volto il volto di Cristo.

Un esempio di vita per i tanti giovani che hanno smarrito la retta via e disperano di ritrovarla.

Un uomo che con il suo operato ha scritto una delle pagine più belle di carità cristiana.

Il protettore dei malati, degli emarginati, di tutti gli uomini che prima o poi, inevitabilmente, incontrano la sofferenza.

Il Santo che induce a riflettere sui valori dell’esistenza e sprona ad amare ed aiutare i più deboli, perché stando vicino agli ultimi ci si può avvicinare a Dio”.

Tratto da “Bucchianico racconta Camillo De Lellis.” A cura di Luisella Santoferrara, Valentina Tatasciore e Enzo di Meo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *