“Strana…mente artista” a tu per tu con Bruno Bruglia

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

Bruglia

Di Carlo Gentili, leggi le precedenti interviste, clicca qui

DIOCESI – Proseguono le interviste curate da Carlo Gentili agli artisti del territorio. Quella che vi presentiamo oggi è stata realizzata a Bruno Bruglia

La tua espressività creativa è molto originale. Come ti definiresti ?
Mi definirei un connettore di talenti e stili umani, dentro di me e nella società.
La mia vera vocazione, anche grazie all’amare mille forme diverse, penso sia quella di far incontrare persone che possono aiutarsi reciprocamente ad esprimersi meglio.
E’ il mio modo indiretto di migliorare il mondo praticamente.
Io sono per la completezza, che non contrappone l’egoismo all’altruismo, ma fa si che ognuno trovi la forma migliore di fare del bene sia a se stesso che agli altri.
Quando posso,  nel realizzare un obiettivo o un progetto, io prediligo il collaborare nel creare quel qualcosa di bello, anche se potessi realizzarlo da solo e più in fretta, preferisco metterci molto tempo e rischiare di non realizzarlo, che perdere l’occasione di condividere il merito con altri, mi piace non essere l’unico vincente, anche perché con gli altri c’è il rischio aumentato di fallire (a volte è difficile coordinarsi e non ci si capisce bene), ma anche l’opportunità di fare un’opera (artistica o sociale) ancora più multiforme, con più positività contemporanee e più possibili fruitori nel mondo (da diverse prospettive).

Se dovessi spiegare in poche righe  il tuo pensiero artistico ad un ragazzino , cosa gli diresti? Cosa vuoi raggiungere? Quali finalità?
Concordo con Silvano Agosti quando dice che ogni persona è un capolavoro che andrebbe tutelato ed ammirato come un’opera d’arte, irripetibile e cerco di manifestare a me stesso bellezza, creando ed esplorando vari campi umani. Non sono sicuro sempre di avere una grande bellezza in un certo campo nel quale creo, ma sono sicuro che chiunque ha una propria bellezza in vari campi  e provo a vedere dove emerge maggiormente la mia bellezza creativa.
…….

Nell’ambito della mia idea che ognuno ha qualcosa di bello che puo’ esprimere in infiniti modi, ho anche scritto migliaia di canzoni di vario stile ed atmosfere.

In questo periodo sto frequentando un corso di scultura con Anna Maria Polini presso la Banca del Tempo, fondata da Marco Bruni a Grottammare, e ho in mente delle variazioni semplici ma creative alle tecniche di base che mi sta insegnando (per esempio usare la scultura per fare degli stampi per immagini originali o piastrelle con antichi motivi di arabeschi molto colorati).
…. In generale ritengo che esercitarsi in una singola arte, o studiare un certo campo del sapere umano, permette di essere sempre più elastici e creativi in generale, e qualcosa di appreso in un campo, può essere traslato in un altro campo e permette di fare qualcosa di geniale con poco sforzo!

Questa libertà  creativa può esprimere spontaneamente la bellezza costante dell’universo (pi greco, geometria aurea, Fibonacci) allo stesso modo porta del bene nel mondo, senza sforzo, senza sapere di farlo … perché ognuno di noi ha un’armonia essenziale, una natura sensata precedente ad ogni pensiero, che si manifesta bene e con chiarezza quando siamo felici di vivere, quando siamo aperti a tutto e a tutti, quando siamo pieni di gioia e grati, in quel momento produciamo qualcosa di riarmonizzante per tutti, perché tutti condividiamo questa essenza più profonda, un’essenza universale !

L’undicesimo giorno di ogni mese realizzi qualche iniziativa. Ce ne parli ? Cos’e’ il CAD ?
Intanto vi consiglio di visitare la pagina Facebook del CAD Centro Abbondanza Diffusa!
Ho scelto l’11 perché un 11 agosto è stato il mio primo evento pubblico .. . poi sono stato invitato a leggere le mie poesie un 11 maggio da Antonio Lera (un evento che ebbe un grande successo, dove era presente anche Cristina Sabatini che usa materiali di riciclaggio creativo per creare le sue colorate opere), e mi sono capitate una serie di coincidenze rilevanti legate a questo numero, e siccome in quel periodo era ancora associato quasi esclusivamente all’11 settembre in America (e poi all’11 marzo dello tsunami in giappone e dell’incidente nucleare di Fukushima) e dato che quelli erano giorni rattristanti, volendo bilanciare tale simbolismo nefasto nel mio piccolo ho cercato di fare cose belle e fantastiche ogni undici di ogni mese nel mio spazio (ho poi letto nel frattempo che l’11 simbolizza le colonne d’ercole e quindi un cambiamento importante, e non volevo si associasse solo paura e tristezza al cambiamento), e ogni anno l’11 Agosto faccio l’evento annualmente più importante (con più relatori, argomenti e laboratori di benessere) anche in piazza (quando ho patrocini ed appoggi reali)…
Quindi faccio un evento gratuito ogni mese nel mio spazio CAD Centro Abbondanza Diffusa (così chiamato perché se nel mondo fossimo meno ignoranti e fossimo organizzati meglio ci sarebbe abbondanza per tutti, a partire dal cibo che viene sprecato più che consumato, ma non solo) perché amo la gratuità.

Il poter respirare non si paga, il battito del nostro cuore non si paga, il poter sentire gioia o amore non si paga, l’entusiasmarsi non si paga (guardate i bambini piccoli davanti alla mamma o al babbo che gli sorridono o li abbracciano) … le cose più importanti della vita non si pagano … “the best things in life are free” diceva cantando in modo simile qualcuno qualcuno (forse un tipo grosso di colore che sapeva sorridere) in USA … e io so godermi la vita accettando le cose gratuite che mi vengono date : ho fatto molti corsi di teatro gratuiti (per esempio dei fantastici laboratori con Fernando Micucci ed Edoardo Ripani proposti da Sergio Vallorani di Blow Up),

ho partecipato a diverse inaugurazioni benedicendo chi mi nutriva e parlandone bene o tornandoci perche avesse successo (specie se dava il cibo col cuore come nel caso di Elisiana Lanciotti del Centro Germogli), ho fatto un corso di ceramica gratuito (con Augusta Schinchirimini che ha una stupenda bottega artigiana vicino al Bar Max a SBT) e un corso di scrittura creativa gratuito (con la prof.ssa Anna Maria Vitale) … ecc ecc ecc … io accetto dall’universo e dalle persone i regali gratuiti che mi capitano, se mi piacciono e mi servono, e so dare gratuitamente senza problemi e con gioia quando voglio farlo … purtroppo per loro non è così per tutti !

Ci fai qualche esempio della tua “arte di collegare le persone”?
Nell’ambito del mio talento nel “collegare le persone adatte ad incontrarsi” posso portare un esempio che ricordo con gioia: il mio primo evento pubblico (quando ancora il CAD non esisteva) fu un evento l’11 agosto 2010 (Sinergie di Libertà e Indipendenza da terremoti e tsunami) dedicato al terremoto (c’era stato quello di Haiti e quello dell’Aquila) e alle catastrofi da affrontare nella maniera più positiva possibile (si parlava di atti eroici o commoventemente umani durante i terremoti, di come ricostruire ecologicamente, di tecniche agricole antiche e innovative (terra preta dei maya e stufette pirolitiche moderne che producevano charcoal per concimare) di Garbage Warrior e le sue case “TerraNavi” autosufficienti con un laghetto all’interno per pescare quando serviva, delle cupole geodesiche di Fuller e di case in legno antisismiche ed anche antiincendio approvate dopo essere state testate da tecnici severi in Giappone, si leggevano belle poesie dedicate all’Aquila scritte da Antonio Lera (autore de : L’Aquila Bella Mia), si facevano trattamenti benessere gratuiti, si parlava gratuitamente di PNL e posture mentali costruttive con un’associazione da Pescara, si intervistava il pompiere americano Doug Copp via Skype in piazza che ci raccontava della sua tecnica “triangle of life” per salvare vite e della sua esperienza ad Haiti) … la cosa bella è che per caso tramite un mio invito pubblico su internet (su “Creativi Culturali”), ci raggiunsero quelli dell’associazione “bambini indaco” col loro camper azzurro dal nord Italia, e grazie alla loro presenza fecero venire anche una ragazza di Ancona (loro amica e aiutante) che conobbe un mio amico pranoterapeuta di quei giorni che ci diede una mano a montare i cavi … ebbene dopo qualche anno lui e quella ragazza di Ancona (tralaltro un’artista disegnatrice molto brava) furono i principali fondatori dell’evento di MASARU EMOTO A SAN BENEDETTO DEL TRONTO, e nacque così un convegno nazionale sull’acqua con tantissimi relatori che fu occasione di “risonanza umana e spirituale profonda e liberante” tra menti alla ricerca e cuori aperti .. . dopo alcuni anni Masaru Emoto (cercatelo sul web) morì, ma in quell’occasione ebbe modo di parlare dell’acqua e del suo messaggio positivo e della risonanza a tanti bambini NELLE SCUOLE PUBBLICHE DI SAN BENEDETTO!

E comunque penso che il merito di ogni persona non sia limitato a quella persona (come nel mio caso) ma nel far passare qualcosa di buono attraverso se, condividendolo con gli altri e manifestandolo nonostante la timidezza e i dubbi.
Mi piace aver fatto parte di questo flusso, forse iniziato con la mia idea di fare il primo evento l’11 Agosto 2010 in Piazza Giorgini accanto alla fontana.

Ci fai qualche esempio di iniziative creative da te organizzate al CAD ? Il tuo ricordo piu’ bello legato alle tue iniziative ?
In pratica ogni mese io trovo un esperto professionista o un esperto per passione tra le persone nuove che incontro ogni mese nella mia vita .. . sono molto aperto a tutti i campi umani e amo la varietà delle persone, e sincronicamente (con un pizzico di istinto) trovo sempre qualcuno al quale offrire gratuitamente il mio spazio nell’interesse sociale di chi viene ad assistere gratuitamente .. . in pratica pago i relatori a nome dei miei “spettatori” (che però voglio in realtà sempre COprotagonisti) … pago con lo spazio gratuito che offro ! … un baratto a favore di terzi amati sconosciuti ! … che forse verranno e forse no. In ogni caso li amo.
Chi ama un argomento anche se lo ha studiato amatorialmente come un hobby, ma lo ha studiato con amore per anni, ha il mio spazio senza bisogno di farmi promesse, perché so che sarà una sua gioia proprio il dare qualcosa di buono a tutti i presenti, condividendo la sua passione!

Abbiamo fatto eventi di ogni tipo tra i quali :

“Feng Shui” * “voce, dizione, comunicazione” * “il melograno come simbolo nella storia e nell’arte, e proprietà nutrizionali e depurative (con Sara Torquati e Piceno Group)” * “il bambino interiore : come recuperare il dialogo con parti di noi perse per strada” * “arte del riciclaggio creativo” * “il gioco dei tre desideri” * “conoscersi in silenzio giocando creativamente” * “invenzioni geniali: motori magnetici, fusione fredda, Biofonte e ricerche di frontiera” * “laboratorio di scrittura creativa” * “musicoterapia” * “Sanamore: come attrarre un rapporto d’amore adatto a noi” * “insegnamenti sincronici reciproci” …… e molti altri !

Sono ormai più di tre anni che ogni mese facciamo qualcosa di nuovo e originale.

Collabori con la Banca del Tempo di Grottammare come una forma di scambio più sano e liberante?
Individualmente mi sono iscritto con entusiasmo alla Banca del Tempo Riviera delle Palme (nata da un’impegno di Marco Bruni e delineatasi tramite riunioni degli iscritti dialoganti), che sta crescendo e strutturandosi (siamo già quasi cento iscritti) … una Banca del Tempo, secondo me, è preziosa perché va oltre il denaro, e permette alle persone di scambiarsi direttamente azioni preziose! … Che siano il loro lavoro o un hobby o una capacità pratica. Chi si iscrive (gratis, a parte 10 euro di quota associativa che sono a tutela delle attività degli iscritti) deve compilare   una lista di cio’ che puo’ fare davvero …

Individualmente mi sono iscritto con entusiasmo alla Banca del Tempo di Grottammare, che sta crescendo e strutturandosi (siamo già quasi cento iscritti) … una Banca del Tempo, secondo me, è preziosa perché va oltre il denaro, e permette alle persone di scambiarsi direttamente azioni preziose! … Che siano il loro lavoro o un hobby o una capacità pratica. Chi si iscrive (gratis) deve compilare   una lista di cio’ che puo’ fare davvero … Uno magari cerca un imbianchino per un piccolo lavoro o una badante saltuaria, e in cambio magari se fa l’avvocato offre a tutti gli iscritti alcune ore (liberamente decide quante) del suo tempo professionale come avvocato, o come idraulico … Oppure come disegnatore, flautista, pittore, ballerino, massaggiatore .. . Oppure offre ore di ripetizione, o si offre per andare a pagare le bollette e stare del tempo in fila (pagando magari sia le sue bollette che quelle di un altro iscritto che non ha tempo) o di fare le pulizie, cucinare, portare a scuola i bimbi quando una mamma iscritta è impegnata … ogni persona che fa qualcosa per un’altra riceve un assegno di tempo dalla persona che glielo ha chiesto … Per ogni ora di tempo (almeno un’ora) viene compilato e firmato un assegno di un’ora, che tale persona può mettere in “Banca” (la banca dati del tempo, un programma di gestione dell’associazione centrale computerizzata) o spendere subito per farsi fare qualcos’altro .. . questo crea un’economia parallela virtuosa che implementa la società, è come se potessimo stampare denaro con i nostri talenti e le nostre azioni …

…Essendo musicoterapista ed avendo sperimentato personalmente il Canto Armonico, l’ho proposto alla Banca del Tempo al fine di dare rilassamento ai praticanti…

La mia volontà è sempre stata quella di aiutare gli individui a manifestare meglio i loro talenti, inserendosi con vantaggio nella società, che miglioreranno con il loro stesso stare meglio ed esprimersi.

Quali sono i tuoi sogni per il futuro?
Mi piacerebbe che al Centro Abbondanza Diffusa girassimo un video musicale collettivo per pubblicizzarlo e far conoscere meglio i nostri eventi e soprattutto le occasioni sociali rare che offriamo, con la postura rara (forse unica nella zona) che ho cercato di spiegare in questa intervista… poi io amo ballare, scrivere canzoni e anche fare riprese … mi piacerebbe includere nel progetto bravi ballerini con grinta ed entusiasmo per questa forma d’arte, editare in studio di registrazione una bella canzone accordata comunque con il LA a 432hz, trovare un montatore bravo nel montare i videoclip musicali, e magari altri cameraman con attrezzature professionali e realizzare questo progetto mettendo in mostra veri talenti del ballo e facendo esercitare e conoscere professionisti del videomaking con un prodotto finale simpatico che resti in mente e rallegri anche chi non decide di frequentare il Centro Abbondanza, ma vede e ascolta il video!

Personalmente poi vorrei finalmente riuscire a fare un film o almeno un cortometraggio in Super HD, che sia basato sulle trame strane e sempre diverse dei miei sogni notturni, il che è una cosa che desidero da anni e che in parte ho realizzato anche con il film di “frammenti dell’anima ritrovati” ; ma vorrei anche girare un film da zero  perché gli unici film decenti sul tema sono stati “waking life” e un po’ il film “inception” di Leonardo Di Caprio, ma dal punto di vista della “logica dei sogni e i suoi intrecci simbolici non razionali” si può fare molto di meglio, anche con più poesia e contenuti profondi che possano risvegliare lo spettatore   alla sua reale e lucida consapevolezza di Vita ! Magari potrei intitolarlo “sogno lucido” anche se sarà una narrazione poetica soprattutto!!!

Ringrazio chiunque abbia letto l’intervista integralmente fino alla fine, nonostante sia lunga, perché già solo per questo è una persona aperta e speciale, che non va troppo di fretta, che approfondisce, che forse un po’ mi capisce, e con la quale mi piacerebbe davvero fare una chiacchierata.

Bruglia Bruno, artista “Doctor U” 2016

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *