Cupra Marittima, approvato il bilancio di previsione

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

RobertoCUPRA MARITTIMA – Nella serata del 29 aprile si è tenuto a Cupra Marittima il consiglio comunale, che ha avuto ad oggetto svariati argomenti, in particolare in ambito finanziario, dato che tra l’altro sono stati approvati sia il rendiconto della gestione per l’esercizio finanziario 2015 che il bilancio di previsione 2016/2018. Il 2015, ha riferito il vice sindaco Roberto Lucidi, “si è chiuso con un risultato positivo in avanzo di amministrazione ed è stato rispettato il vincolo del patto di stabilità interno, obiettivo la cui realizzazione risultava tutt’altro che scontata, considerando che sono molteplici gli enti che non hanno centrato l’obiettivo.

Il bilancio 2016 prevede la riduzione complessiva dei tributi locali a carico dei cittadini, visto che si potrà beneficiare delle positive novità introdotte dal governo in ambito fiscale, come l’eliminazione della TASI sull’abitazione principale, la riduzione della base imponibile sui comodati ecc. e della continuità delle agevolazioni fiscali che l’amministrazione comunale ha  confermato. Le spese correnti, continua Lucidi, risultano essere state ridotte del 6,28%, a compensare anche le minori risorse disponibili per l’incidenza delle nuova contabilità degli enti locali, che ha istituito l’obbligo degli accantonamenti su un apposito fondo per i crediti di dubbia esigibilità, nel 2016 con importo superiore ai 200 mila euro e destinati ad aumentare negli anni successivi, 70% nel 2017, 85% nel 2018 e 100% nel 2019. Le risorse destinate dallo stato al comune, attraverso lo strumento del fondo di solidarietà comunale, passano da 135 a 114 mila euro. E’ stata comunque garantita la continuità dei servizi sociali forniti alle famiglie e la stabilità delle risorse a favore delle nostre scuole.” Nella seduta il consiglio ha approvato anche: la nota di aggiornamento del Documento Unico di Programmazione, documento che rappresenta il presupposto generale di tutti gli altri atti di programmazione e va a sostituire la Relazione Previsionale e Programmatica; il prospetto  riguardante la verifica del rispetto dell’equilibrio tra entrate e spese, data la nuova formulazione del patto di stabilità, che rappresenta parte essenziale del bilancio.

Anche il regolamento del baratto amministrativo è stato oggetto di aggiornamenti in funzione delle interpretazioni dell’Ifel e dei primi interventi delle sezioni regionali delle corte dei conti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *