Presentato l’ultimo lavoro dell’associazione culturale Radio Incredibile

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

foto Radio Incredibile

ASCOLI PICENO – Venerdì 29 Aprile 2016, alle ore 11:00, presso la Casa Circondariale di Marino del Tronto, si è tenuto l’incontro di presentazione dell’ultimo lavoro del laboratorio di  radiofonia  che  l’ Associazione  Culturale  Radio  Incredibile  con sede a Grottammare svolge  con  i  detenuti ormai da sei anni all’ interno della suddetta struttura.

Il laboratorio, che per anni ha impegnato i detenuti nella creazione di una redazione radiofonica e nella realizzazione di un programma radiofonico strutturato, ha realizzato per l’anno 2015/2016 su cd un elaborato audio che raccoglie una fiaba e un brano musicale.

La fiaba, originale e inedita, dal titolo “Il bambino e la farfalla” è stata ideata e scritta dai detenuti ed è stata  poi recitata e registrata dagli stessi nel corso degli incontri di labo ratorio.  Il  brano  musicale “Jail Song”, interamente  realizzato con effetti vocali a cui è stato aggiunto solo il suono di un pianoforte, è il risultato degli sforzi e del talento musicale  degli  stessi  ragazzi  della  redazione.  Anche la copertina del cd è stata realizzata con i disegni creati durante gli incontri di laboratorio.

Aiuto fondamentale è stato dato da Roberto Paoletti, che con la Casa di Asterio ne ha curato  l’ interpretazione e la recitazione dei ragazzi, e da Pierpaolo Piccioni, che si  è  occupato  della  registrazione,  degli  effetti,  della  qualità  audio,  del  mixaggio e della stampa dei cd, le cui copie sono state regalate ai detenuti che hanno dato vita al lavoro.

L’ esperienza si inserisce nel quadro delle attività che l’Associazione Radio Incredibile si impegna da anni a portare avanti nei contesti sociali della differenza e dell’esclusione.  Essa è stata inoltre riconferma della positività e della necessità delle attività radiofoniche  e  media-educative realizzate in tali contesti, oltre che punto di incontro e collaborazione con l’ apparato educativo interno alla Casa Circondariale.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *