FOTO e VIDEO I Cursillos di Cristianita hanno festeggiato i 50 anni di Presenza in Diocesi

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

Di Elbano Bovara

DIOCESI – Domenica mattina, corsisti giunti da molte diocesi italiane, gremivano la sala congressi del complesso alberghiero LE TERRAZZE di Grottammare per celebrare la ricorrenza dei 50 anni di presenza dei corsi di Cristianità nella nostra Diocesi.
L’incontro si è aperto con la recita delle Lodi e le Meditazioni guidate dall’Animatore Spirituale Diocesano padre Renato PEGORARI il quale nel concludere il suo breve intervento esortava i presenti ad essere comunicatori ed evangelizzatori.
Al coordinatore Diocesano del movimento, Giuliano MARINI il compito del porgere il saluto al Coordinatore Nazionale del Movimento Nino MONACO, all’Animatore Spirituale Nazionale don Giuseppe ALEMANNO, al coordinatore territoriale Enrico LELI, all’animatore spirituale territoriale Monsignor Ubaldo SPERANZA.
Allo stesso coordinatore diocesano il compito di tracciare il cammino del movimento che ha portato benefici spirituali a quasi 3.500 fratelli e sorelle nei 90 corsi uomini e 68 corsi donne celebrati in Diocesi.
Il primo corso uomini si tenne dal 22 al 25 aprile 1966 all’Oasi di Santa Maria ai Monti di Grottammare, a volerlo alcuni sacerdoti, in particolare, don Gerardo GIROLAMI, padre Francesco ILLUMINATI, don Giovanni FLAMMINI, don Marino CIARROCCHI, i quali avevano preso conoscenza di questa realtà che si stava sviluppando con una efficacia del tutto nuova nella Diocesi di Fermo che a sua volta l’aveva importata dalla Spagna.
Tre anni dopo ebbe luogo il primo corso donne.
L’impegno di questa diocesi si è, inoltre, aperto alla collaborazione con altri fratelli di altre diocesi in Italia, in particolare quella di Ascoli Piceno ed Oria (Brindisi) rispettivamente negli anni 1971 e 1974.
Il coordinatore Territoriale Leli, nel suo saluto ha ribadito che l’opera evangelizzatrice del movimento è ancora oggi efficace in un mondo che tende alla scristianizzazione, per tale motivo ha esortato i presenti a continuare ad operare con rinnovato impegno con la gioia nel cuore ed il sorriso sul volto.
Sulla stessa linea l’intervento del coordinatore Nazionale Monaco, il movimento deve continuare, senza incertezze e paure a raccontare con la nostra vita l’incontro che abbiamo avuto con Gesù avanti al Tabernacolo perché è Gesù stesso che ce lo chiede e perché possiamo contare sulla presenza certa dello Spirito Santo. Il Papa stesso ci incoraggia attraverso le pagine di Evangelii Gaudium.
Conclude la mattinata l’intervento di Don Giuseppe Alemanno il quale con efficacia ha commentato il vangelo là dove Gesù da un comandamento nuovo: “che vi amiate gli uni gli altri come io ho amato voi”. Ha ribadito che Dio è Amore e Misericordia. Ha raccontato le sue esperienze missionarie dove ha potuto mettere in atto gli insegnamenti evangelici.
Dopo la pausa pranzo ha preso la parola Don Ubaldo Speranza il quale ci ha invitati a scrollarci di dosso la zavorra costituita dai nostri interessi terreni attraverso l’incontro con Cristo perché possa diventrare il motore della nostra esistenza.
Prima dell’atteso intervento del nostro Vescovo Diocesano Mons. Carlo BRESCIANI vi è stato uno spazio per alcune testimonianze dei rappresentanti delle Diocesi di Fermo, Pescara ed i saluti del movimento dei Focolarini e del Rinnovamento dello Spirito.
Il Vescovo Carlo ricorrendo ad immagini che si incontrano spesso in questi giorni – l’Apocalisse – la nuova Gerusalemme dove attraverso le 12 porte si incontra “L’Agnello”, ma attraverso le stesse si esce per portare in tutte le direzioni la buona novella del Cristo Risorto.
Prima di avviarci verso la Parrocchia Gran Madre di Dio, per la celebrazione eucaristica, ha raccomandato l’unità dei Movimenti pur nella loro propria diversità.
Conclude con l’esortazione a che la fecondità del nostro movimento sia tesa a portare i giovani all’incontro con Cristo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *