Festa della Liberazione, deposte le corone sui monumenti ai caduti

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

Festa della LiberazioneSAN BENEDETTO DEL TRONTO – Nel 71esimo Anniversario della Liberazione dell’Italia dal nazifascismo, questa mattina, lunedì 25 aprile, la Città di San Benedetto ha celebrato la ricorrenza in forma ridotta a causa del maltempo.  Era, infatti, in programma l’intervento della professoressa Rita Forlini dell’Istituto Provinciale per la Storia del Movimento di Liberazione di Ascoli Piceno sul ruolo delle donne picene durante la Resistenza.

Nonostante la pioggia, alla presenza di autorità civili e militari, provinciali e dei Comuni del comprensorio (Ripatransone, Monteprandone, Grottammare, Cupra Marittima), delle associazioni degli ex combattenti e d’arma e dell’Associazione nazionale partigiani d’Italia, si è tenuta la cerimonia di deposizione delle corone ai monumenti ai caduti di viale Secondo Moretti. Successivamente il corteo si è spostato verso la sede dell’Associazione Marinai d’Italia, dove le autorità civili e militari hanno reso omaggio al monumento che ricorda i caduti della Marina Militare.

Anche le iniziative previste per oggi pomeriggio subiranno una variazione: non si svolgeranno il concerto de “Gli Sbandanti marching street band” e il “Ludobus Legnogiocando” giochi di legno per bambini, ragazzi, genitori e nonni a cura della Saltamartino eventi.

Mentre si svolgerà regolarmente l’inaugurazione del “Giardino dei sensi”, area didattica realizzata vicino alla Torre sul Porto nella Riserva Naturale Regionale Sentina e finalizzata alla percezione della natura attraverso i sensi: vista, olfatto, udito, tatto e gusto guideranno i visitatori alla scoperta delle forme e dei colori della vegetazione, dei suoni della natura, dei profumi dei fiori, della dolcezza dei frutti. L’appuntamento è alle 16 all’ingresso nord della Riserva (in via del Cacciatore).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *