A San Benedetto torna il Campionato Italiano a squadre di subbuteo

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Dal 15 al 17 aprile il Palasport B. Speca ospiterà i campionati italiani di serie A e B a squadre di Subbuteo. Parteciperanno i più forti giocatori del mondo oltre a tutti i nazionali azzurri.

Un pò di storia.
Il Subbuteo venne inventato negli anni ’40 dello scorso secolo da un ornitologo inglese, Peter Adolph, con l’intento di creare una replica in miniatura del gioco del calcio.

Il gioco, nella sua composizione minima, è formato da un panno di tessuto di colore verde su cui è riprodotto in scala il tracciato di un vero campo da calcio, due squadre di dieci miniature con sembianze umane, dotate di base di appoggio semisferica più un portiere fissato ad una asticciola, due porte ed una pallina di proporzioni sovradimensionate rispetto agli altri oggetti per garantire la giocabilità.

Le miniature vengono colpite dai giocatori “a punta di dito” e così sospinte verso la palla. Le regole ricalcano, con i dovuti adattamenti, quelle del vero gioco del calcio: rimesse laterali, calci di punizione e di rigore, fuorigioco e calci d’angolo.

Uno degli aspetti più avvincenti è che non esistono schemi preordinati o vincoli meccanici di alcuna sorta, quindi ogni giocatore è libero di disporre e muovere le proprie miniature sul campo di gioco come ritiene più opportuno.

Inizialmente le miniature erano figure bidimensionali disegnate su del cartoncino ed inserite su di una base semisferica. Questa versione, conosciuta come “flats” venne soppiantata negli anni Sessanta dall’introduzione di miniature tridimensionali realizzate in plastica e con un peso all’interno della base che conferiva maggiore stabilità e precisione di gioco.

Di questo tipo di miniature si susseguirono negli anni diverse versioni. Le prime a comparire sul mercato erano composte da una figura di calciatore che costituiva un unico corpo con un piedistallo di forma circolare che a sua volta veniva incastrato nella base di gioco. Successivamente vennero prodotte delle miniature composte di tre parti: la base di gioco, il dischetto dotato di una fenditura trasversale e la figura di calciatore con i piedi che terminavano su di una barretta che serviva ad incastrarla sul dischetto.

Questa sicuramente è stata la più diffusa ed anche la più bella tra i tipi di miniatura prodotti dalla Subbuteo, inoltre, la qualità di gioco che si riusciva a raggiungere era di buon livello; purtroppo la produzione industriale cessò all’inizio degli anni Ottanta quando iniziò il lento declino della diffusione del gioco.

Negli anni seguenti si verificò un progressivo peggioramento della qualità delle miniature prodotte: se da un lato il nuovo tipo di figura, dotata di un perno centrale al posto della classica barretta, rendeva più difficile la rottura della miniatura, dall’altro le basi di appoggio diventavano sempre più tondeggianti ed irregolari non consentendo così una resa agonistica accettabile. (tratto da www.italiasubbuteo.it)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *