Il Presidente D’Erasmo scrive ai dipendenti assegnati alla Regione

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

d'erasmoPROVINCIA – Da domani 128 dipendenti della Provincia, adibiti alle funzioni non fondamentali di competenza dell’Ente in base alla Legge Delrio e alla Legge regionale, saranno assegnati effettivamente alla Regione Marche. In occasione di questo passaggio così importante per la vita della Provincia come nuovo Ente di Area Vasta e per tutto il personale, il Presidente Paolo D’Erasmo ha inteso scrivere ai dipendenti assegnati alla Regione una lettera di ringraziamento e apprezzamento per il lavoro svolto.

Nella missiva scrive il Presidente “fin dall’inizio del mandato questa Amministrazione, con la preziosa e attenta collaborazione di tutto il personale dell’Ente, si è trovata di fronte una sfida enorme: governare l’emergenza economico finanziaria e, nel contempo, continuare ad assicurare i servizi sul territorio conseguendo insieme risultati importanti per la Provincia e per l’intera comunità locale”.

“Abbiamo definito – prosegue il Presidente – con il supporto fondamentale della Regione Marche, la concertazione dei sindacati e il lavoro proficuo dell’osservatorio provinciale e di quello regionale, il personale che in base alla normativa è stato assegnato alla Regione. In questo snodo cruciale – sottolinea il Presidente – avverto l’esigenza di esprimere, a nome mio personale, di tutti i Consiglieri, del Segretario Generale e dei Dirigenti, il più sentito ringraziamento per lo straordinario e generoso lavoro che avete svolto in condizioni obiettivamente difficili e, sempre, mostrando un grande senso di responsabilità, professionalità e appartenenza all’Istituzione”.

“Sono certo – conclude D’Erasmo – che anche nella nuova realtà lavorativa saprete esprimere al meglio le vostre grandi competenze tecniche e personali a vantaggio dei cittadini e del territorio. Auguro a tutti voi di conseguire ulteriori traguardi e le migliori soddisfazioni in ambito umano e professionale”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *