FOTO Festa San Francesco da Paola Vescovo Bresciani: “Cristo Risorto rappresenta la certezza che il male non vince sul bene”

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

GROTTAMMARE – Come tradizione nel martedì di Pasqua, 29 marzo, è stata celebrata la festa di San Francesco da Paola Patrono della Gente di Mare, presso Casa San Francesco nel territorio parrocchiale della Gran Madre di Dio. Alle 11.30 il Vescovo Carlo Bresciani ha celebrato la S. Messa. Un’occasione per pregare e affidare al santo patrono Francesco il lavoro e la vita della gente di mare.

Durante l’omelia il Vescovo Carlo ha parlato del passaggio terreno di Gesù e lo ha paragonato a quello della Chiesa (dall’omelia registrata). “Il compito della Chiesa è di annunciare Dio, perché è speranza. Gesù accompagna a comprendere la realtà della resurrezione, ma poi esorta gli apostoli a diffondere la sua testimonianza, dando alla Chiesa il compito di questa grande rivelazione. Cristo Risorto rappresenta la certezza che il male non vince sul bene, occorre non lasciarsi trascinare dal male, dobbiamo resistere al male attraverso la sua testimonianza. Proprio come San Francesco da Paola che ha dedicato la sua prodigiosa vita ad annunciare Cristo senza mai arrendersi. E’ importante che Dio ci accompagni attraverso la Chiesa, questo annunciare ci porta ad esser Chiesa, proprio questo aveva vissuto San Francesco da Paola.”

La celebrazione si è conclusa con la processione che ha portato la statua del Santo, attraverso il parco della Casa, nello spiazzo proprio di fronte al mare, simbolo di molti fatti e prodigi della vita del santo legati al mare, dei suoi molti viaggi per mare, ecco perché i marinai e pescatori si affidano a lui.

L’evento è stato curato dall’Ufficio diocesano della Pastorale del Mare e la Marineria Sanbenedettese hanno curato la preparazione di questa giornata di festa che ha una lunga tradizione anche per fare festa insieme.

Infine, Mons. Bresciani ha consegnato il Palio al Motopeschereccio “Valentina” dei fratelli Voltattorni.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *