I “lupetti” del gruppo Scout Grottammare 3 hanno portato il loro aiuto presso il canile intercomunale di Ripatransone

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

Di Davide Macario

GROTTAMMARE – Il CdA* (i ragazzi all’ultimo anno prima dei passaggi al gruppo dei più grandi) del Branco del Grottammare 3 si sono impegnati nell’ultimo mese ad aiutare il canile comunale di Ripatransone gestito dall’ associazione “L’amico Fedele”.
L’associazione nell’aprile del 2006 con l’obiettivo principale di sensibilizzare la cittadinanza alle problematiche del mondo-animale, in particolar modo alla realtà del canile e del randagismo (felino e canino).

L’appuntamento nato da un progetto regionale, che vedrà la conclusione il 16 e 17 Aprile in un incontro con tutti i CdA della regione Marche, è stata un’occasione per i lupetti di conoscere una nuova realtà ed aiutare gli amici a quattro zampe meno fortunati.

Ai lupetti è stato chiesto di fare una Buona Azione e la loro scelta è ricaduta proprio sul canile.

Tutto è cominciato il 7 Febbraio con un incontro preliminare; i lupetti si sono recati sul posto, accompagnati dai capi educatori e hanno aiutato i volontari a far uscire alcuni cani, appositamente selezionati, per una passeggiata. Durante la giornata passata con i volontari, hanno capito come poterli aiutare in maniera più consistente. Nelle settimane successive i bambini si sono impegnati a realizzare alcuni oggetti artigianali che hanno venduto a Ripatransone con un ottimo risultato. Il ricavato della vendita è stato poi donato al direttivo del canile insieme ad alcune coperte vecchie. Quest’ultime sono state subito messe a disposizione dei cani ospitati mentre il ricavato della vendita sarà usato per comprare materiale utile.

La giornata è stata caratterizzata da una pioggerellina incessante che però non ha impedito ai lupetti di donare qualche momento di compagnia agli ospiti del canile. L’esperienza si è rivelata estremamente positiva per i bambini che hanno risposto con gioia e con il massimo dell’impegno. È stata inoltre un’occasione per cominciare una collaborazione che molto probabilmente si protrarrà nei mesi a venire.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *