Fervono i preparativi per il Giubileo regionale dei Giornalisti

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

MenichelliDIOCESI – Fervono i preparativi per il prossimo giubileo regionale dei giornalisti che si terrà a Loretto, venerdì 22 aprile, presso il Santuario Basilica Santa Casa.

Il programma:
Ore 10:00 ci si incontra nella sala Paolo VI, (che si trova di fronte alla chiesa sotteranea dei Santi Pellegrini, guardando la facciata della Basilica, nella stradina che scende sul lato sinistro, tra la Basilica e il convento) con il saluto di benvenuto da Mons. Tonucci e del Card. Menichelli
10:15 – Introduzione all’evento dal Vescovo delegato:  Mons. Giovanni D’Ercole
10:30 – Riflessione e Testimonianza offerta da un Giornalista RAI (invitato da Mons. G.
D’Ercole)
11:00 –  Tempo di Riflessione personale (confessione…preghiera….)
11:45 – Santa Messa presieduta da Mons. Giovanni D’Ercole e rito giubilare.
12:45 – Termine evento

“Parlate poco e mite, poco e buono, poco e semplice, poco e amabile”. È questa una raccomandazione di san Francesco di Sales. La mitezza e la semplicità nell’uso delle parole suggerite da San Francesco di Sales (1567 – 1622) potrebbe costituire la declinazione dell’atteggiamento della misericordia nella professione giornalistica, di cui il santo vescovo francese è patrono dal 1923 per volere di papa Pio XI, grande promotore dei media cattolici.

Un tempo di Misericordia che fa notizia a chi fa giornalismo. Misericordia nell’annunciare la ricchezza e la potenza del bene, misericordia che trasforma, misericordia che rende l’uomo più umano tanto da vvicinarlo a Dio: “Siate misericordiosi come è misericordioso il Padre vostro celeste”… (6,27-36)

è questa un’occasione singolare per incontrarci … “Misericordia e Verità si incontreranno”…(Sal.84,11)  la missione di chi entrando in onda, o scrivendo,  si impegna ad essere strumento costruttivo per far sapere dove c’è bisogno di misericordia, davanti a una certa indifferenza e distrazione sociale. Un ruolo non secondario quello che ognuno di noi compie nel proprio lavoro!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *