A Colonnella il sesto ritiro mensile del Clero Diocesano

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

Ritiro del Clero (10)Di lauretanum

COLONNELLA – A quindici giorni ormai dalla celebrazione del Giovedì Santo, giorno Memoriale dell’istituzione del Sacerdozio e dell’Eucaristi, i sacerdoti della nostra Chiesa diocesana si sono ritrovati insieme ad ascoltare, a pregare, a consumare fraternamente il pasto e a condividere la Fede e la vita nella Parrocchia di San Cipriano di Colonnella, in Terra abruzzese, ospiti del Parroco don Renato Pegorari, da anni ormai alla guida delle due comunità del Comune aprutino che affaccia sul mare e sulla Valle del Tronto dalle sue rigogliose colline. Tematica principale della meditazione, guidata dallo stesso don Renato, subito dopo la preghiera dell’Ora Terza nella quale si è invocato il Dono dello Spirito Santo, quello della peccatrice in casa di Simone il Fariseo, immagine di Misericordia, sicuramente da prendere in considerazione durante questo Anno Santo straordinario, che ci sta proponendo con forza l’esempio e gli insegnamenti delle icone evangeliche dove si ritrovano atteggiamenti di Misericordia da parte di Gesù stesso. Semplici e chiare pennellate di riflessione, richiamate dal Parroco, che hanno aiutato i presenti a comprendere che senza l’improvvisa comparsa della donna, in casa di Simone certamente non sarebbe avvenuto nulla di particolare. La donna compare al banchetto da intrusa, in quanto essa non appartiene al gruppo: è solamente una peccatrice rinomata e per di più è una donna; si informa su dove sia Gesù e va direttamente da lui. Desidera incontrarlo, infrange tutte le strette regole sociali, affronta il rischio del rifiuto, l’incomprensione, il disprezzo, perfino la condanna. Per lei l’amore e la gratitudine verso Gesù superano di molto i codici sociali: entra in casa di Simone con un vaso di alabastro ripieno di profumo e si pone dietro a Gesù, piangendo ai suoi piedi. Durante l’Adorazione eucaristica, che ha preso un’ora abbondante, nella chiesa parrocchiale, la tematica è stata ripresa e ancor più gustata, arricchita anche dalle parole del Santo Padre e di San Giovanni Paolo II. Una chicca: l’annuncio dell’Ordinazione presbiterale di don Giuseppe Raio il prossimo 30 aprile nella Cattedrale di San Benedetto del Tronto, cui è seguito un caloroso e benaugurante applauso dai presenti, segno di incoraggiamento per il cammino e di affetto fraterno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *