Il Consiglio di San Benedetto ha varato la manovra finanziaria 2016

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Il Consiglio comunale del 10 marzo ha approvato tutti i punti all’ordine del giorno e discusso una mozione presentata dal consigliere Giovanni D’Angelo per organizzare un festival dedicato agli anni ’80 e una manifestazione culturale basata sulla “street art”.

In apertura il consiglio ha ratificato la nomina dei componenti del collegio dei revisori dei conti, così come sorteggiati in Prefettura. I nuovi revisori sono Marco Fioranelli (presidente), Massimo Tomassini e Antonio Viventi (componenti).

Si è aperta poi una lunga discussione sui punti relativi alla manovra complessiva di bilancio comprendente il piano finanziario degli interventi relativi al servizio dei rifiuti urbani, la determinazione di tariffe, rate e agevolazioni sociali della tassa rifiuti per l’anno 2016, la nota di aggiornamento del Documento Unico di Programmazione e, appunto, il Bilancio di previsione 2016/2018.

Con l’ausilio di una presentazione video, l’assessore al bilancio Roberto Bovara ha illustrato la manovra di bilancio 2016/2018. Ricordando che l’ente ha subito tagli generati dal passaggio ICI/IMU di oltre 6 milioni di euro, Bovara ha spiegato che l’Amministrazione avrebbe potuto farvi fronte inasprendo la pressione tributaria o comprimere l’erogazione dei servizi. Invece ci si è posti l’obiettivo di garantire lo stesso livello di servizi senza gravare ulteriormente sul cittadino. Anzi, attraverso l’ottimo risultato ottenuto con la raccolta differenziata, giunta al 69%, si sono potuti risparmiare 200.000 euro che verranno redistribuiti ai contribuenti, così come si è scelto di potenziare le agevolazioni sociali Tari. Tra i principali risparmi di spesa, Bovara ha elencato la riduzione della spesa per il rimborso dei mutui giunti alla scadenza per quasi 800.000 euro, i fitti passivi quasi del tutto estinti, la razionalizzazione delle spese per carburante e manutenzione parco auto.

“Il bilancio di previsione guarda con attenzione al sociale – ha concluso Bovara – con una spesa che sfiora i 7 milioni di euro di cui 3.800.000 euro per i servizi ai minori, terza età e politiche per la casa e 2.800.000 euro per i servizi a favore della disabilità e del disagio”. Nel previsionale compaiono anche investimenti su opere programmate e in corso di esecuzione: il completamento del secondo piano della scuola “Curzi” (725.000 euro), l’ampliamento della pista ciclabile in via Moretti (170.000 euro), la rinaturalizzazione dell’Albula (1.350.000 euro), interventi di urbanizzazione ed edilizia sociale previsti nel Pruacs Albula (1.800.000 euro), ulteriori interventi di ristrutturazione della scuola dell’infanzia “Mattei” (170.000 euro).

Piunti (Pdl Forza Italia) ha chiesto delucidazioni rispetto a voci di bilancio riguardanti l’acquisto di riviste e giornali, spese di rappresentanza e per consulenze, per l’acquisto di macchine per uffici e hardware. Bovara ha risposto che era meglio se tali richieste fossero stata fatte in commissione dove si può entrare nel merito delle questioni. Rosetti (Movimento 5 Stelle) ha notato che il trend di indebitamento è in discesa, ma ha rilevato la necessità una effettuare maggiore spending review evidenziando che la principale voce di costo è quella per i rifiuti e chiedendo quindi di rivedere il sistema di conferimento. Infine ha invitato l’Amministrazione a ridurre la pressione fiscale soprattutto per le attività produttive.

Gabrielli (Pdl Forza Italia) ha annunciato un esposto alla Prefettura di Ascoli Piceno in merito allo svolgimento del precedente Consiglio comunale e, sul bilancio, ha chiesto se l’impianto di illuminazione dello stadio “Riviera delle Palme” verrà realizzato con fondi comunali. Il Sindaco ha assicurato che, dopo il completamento dei lavori di messa a norma, verranno accantonati 70 mila euro per tale scopo.

Liberati (PD) ha rivolto un plauso alla responsabilità dei consiglieri di maggioranza per aver portato a termine gli obiettivi dell’Amministrazione anche per l’anno 2016. Per Pellei (UDC) “è un bilancio prudenziale che mantiene in ordine i conti e non impegna la prossima amministrazione. C’è un lavoro che però bisognerà continuare, quello sulla riduzione dei costi di smaltimento dei rifiuti”. Morganti (PD) ha sottolineato l’importanza dei 350.000 euro da spendere in nove anni per aumentare la sicurezza attraverso l’acquisto di impianti di videosorveglianza.

Per Laversa (Socialisti) sono state date, non senza fatica, ottime risposte in ambito sociale e ha colto l’occasione per una riflessione sulle primarie del Pd, occasione per qualcuno per “accanirsi contro l’operato del Sindaco e dell’Amministrazione comunale”.

Il sindaco Giovanni Gaspari ha spiegato che questo “è un bilancio varato senza alcuna fibrillazione politica, visto che la scadenza prevista del 29 febbraio non è stata rispettata per un incidente fortuito. E’ un bilancio che chiude un ciclo, un progetto complessivo, è un bilancio in salute che approviamo prima di molti altri Comuni. A chi verrà dopo auguro di fare meglio per il bene della città. Abbiamo portato l’indebitamento della città all’1,18% senza far venir meno gli investimenti in un periodo nel quale il patto di stabilità ha ingessato gli Enti. Siamo stati capaci di fare investimenti importanti nell’ambito della sicurezza, dei sottoservizi, della riqualificazione riuscendo alla fine a saldare sostanzialmente tutti i fornitori”.

I punti riguardanti la manovra di bilancio sono stati tutti approvati con 14 voti favorevoli e 8 contrari: il punto relativo alle agevolazioni sociali Tari ha trovato d’accordo anche il consigliere del Movimento cinque stelle.

Il Consiglio ha poi dato il via libera anche al regolamento comunale per la gestione del patrimonio immobiliare che ha lo scopo di disciplinare la gestione dei beni immobili di proprietà dell’ente, favorirne un uso produttivo e fruttuoso, disincentivarne l’occupazione senza titolo.

Infine è stata presentata dal consigliere Giovanni D’Angelo una mozione che impegna il Sindaco e la Giunta comunale affinché nella programmazione della stagione turistica e culturale vengano recepiti indirizzi strategici riguardanti la realizzazione di un festival dedicato agli anni ’80 e un progetto di street art. La mozione ha riscosso il consenso dei consiglieri Liberati, Laversa, Ruggieri e Gabrielli. Quest’ultimo ha rimproverato l’Amministrazione di non aver saputo cogliere prima le idee di D’Angelo, gli ha risposto il Sindaco ricordando che, proprio su proposta di D’Angelo, in passato si organizzò un festival della pace. Nel merito, il sindaco Gaspari ha preso l’impegno di prevedere nel bilancio risorse e di parlare del progetto con i prossimi candidati alla carica di Sindaco. La mozione è stata approvata all’unanimità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *