Provincia, seminario sul procedimento di riscossione e i nuovi strumenti per la gestione del debito

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

d'erasmoPROVINCIA – L’Amministrazione Provinciale ha organizzato per giovedì 10 marzo, con inizio alle ore 9.30, nella Sala Consiliare di palazzo San Filippo un seminario formativo che passa in rassegna numerose problematiche riguardanti il miglioramento dell’efficienza del procedimento di riscossione e i nuovi strumenti per la gestione del debito.

L’iniziativa, organizzata dalla Provincia, risulta di notevole interesse per gli Enti Locali del territorio ed è rivolta ai Sindaci, agli Assessori Comunali al Bilancio e ai responsabili dei Servizi Finanziari e Tributi dei Comuni Piceni. Tra i numerosi temi che verranno affrontati nell’incontro figurano, tra l’altro, le novità della Legge di Stabilità 2016, la trattazione degli strumenti derivati degli Enti Locali, i canali di pagamento e la rendicontazione, l’attività accertativa e l’applicazione delle sanzioni.

Dopo l’introduzione del Presidente della Provincia Paolo D’Erasmo e l’intervento del Dirigente del Servizio Economico Finanziario dell’Ente Dott. Eros Nunzio Libetti, prenderanno la parola il Dott. Luigi D’Aprano, Dirigente del Comune di Anzio e il Prof. Paolo Di Antonio docente presso l’Università degli Studi di Teramo.

Si tratta di un’opportunità qualificata per approfondire in maniera concreta ed operativa tematiche complesse che vedono giornalmente impegnati i Comuni – evidenzia il Presidente D’Erasmod’altra parte, tra i compiti del nuovo Ente di Area Vasta, c’è quello di essere di supporto ai Comuni favorendo tutte quelle azioni e progettualità, anche formative come in questo caso, di assistenza tecnica e amministrativa in aree essenziali per la gestione e la fornitura di servizi ai cittadini, alle imprese, al territorio di riferimento. Vogliamo sempre più che la nuova Provincia diventi “La Casa della Comuni” dove mettere a sistema le risorse tecniche, umane e amministrative a vantaggio della collettività“.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *