Il Direttore del centro Missionario incontra i collaboratori del CMD

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

MissioDi Gianmarco Capecci

DIOCESI – Mercoledì 24 febbraio, presso la sede del Centro Missionario Diocesano di via Pizzi a S. Benedetto del Tronto, si è svolto l’atteso incontro fra il direttore don Nicola Spinozzi e i collaboratori del CMD. Appena rientrato da un viaggio nelle Filippine insieme al vescovo S.E. Carlo Bresciani e al diacono Umberto Silenzi (già presente nel paese), don Nicola ha illustrato attraverso numerose fotografie e filmati l’intensa esperienza di pastorale missionaria, e lo stretto rapporto di cooperazione fra la nostra diocesi e l’istituto di Suore Teresiane di Cebu (una zona sconvolta da un recente e distruttivo terremoto). Le filippine rappresentano una terra vivace, piena di entusiasmo cristiano e ricca di giovani impegnati nell’attività pastorale. È un luogo, assieme a gran parte dei paesi poveri o emergenti del Sud del mondo, cui guardare non con timore ma anzi con speranza, poiché il futuro del cristianesimo dipenderà sempre più da loro e sempre di meno dai paesi europei e nordamericani, stanchi e ormai scristianizzati nelle istituzioni e nella cultura di massa.
Terminato il resoconto del viaggio, la riunione è proseguita con la programmazione delle prossime attività. Tra le numerose iniziative va senz’altro segnalato il progetto Dona un prete, ossia la possibilità di attivare un’adozione a distanza per un seminarista di un paese del Sud del mondo, con la possibilità di accompagnarlo durante tutto il percorso di formazione fino all’Ordinazione. Altro progetto estremamente importante è quello denominato Il diritto di rimanere nella propria terra, il cui scopo è costituire, tramite migliaia di piccoli progetti a basso costo, le infrastrutture volte a ricreare la possibilità di una sussistenza dignitosa presso paesi in grave difficoltà socio-economica, da molti dei quali fuggono ogni giorno troppi uomini e donne in cerca di una vita migliore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *